La Romania si presenta a Euro 2024 con grande fiducia, avendo ottenuto la qualificazione con un ottimo ruolino di marcia. Con un gruppo di giocatori talentuosi sotto la guida del tecnico Edward Iordanescu, questa squadra punta al ruolo di sorpresa degli Europei.

La Romania arriva a Euro 2024 dopo aver dominato il proprio girone di qualificazione, superando di 5 punti la Svizzera. La squadra, guidata da Edward Iordanescu, è composta da 28 giocatori nella rosa provvisoria, con l’obiettivo di portare a casa risultati importanti.

La rosa della squadra: i giocatori della Romania a Euro 2024

Dei 28 giocatori che compongono la rosa provvisoria della Romania per Euro 2024, 4 sono portieri, il che significa che solo un giocatore di movimento sarà escluso dalla lista finale. Tra i nomi più noti troviamo Radu Dragusin del Tottenham Hotspur, Nicolae Stanciu, George Puscas e Ianis Hagi, figlio del leggendario Gheorghe. Nonostante la mancanza di star di fama mondiale, la squadra è piena di talenti che possono mettere in difficoltà qualsiasi squadra trovino sul percorso.

Ecco i convocati nel dettaglio:

Portieri (4)

  • Horatiu Moldovan (Atletico Madrid);
  • Florin Nita (Gaziantep);
  • Razvan Sava (CFR Cluj);
  • Stefan Tarnovanu (FCSB).

Difensori (8)

  • Nicusor Bancu (Universitatea Craiova);
  • Andrei Burca (Al-Okhdood);
  • Radu Dragusin (Tottenham Hotspur);
  • Vasile Mogos (CFR Cluj);
  • Ionut Nedelcearu (Palermo);
  • Bogdan Racovitan (Rakow Czestochowa);
  • Andrei Ratiu (Rayo Vallecano);
  • Adrian Rus (Pafos).

Centrocampisti (12)

  • Alexandru Cicaldau (Konyaspor);
  • Florinel Coman (FCSB);
  • Constantin Grameni (Farul Constanta);
  • Ianis Hagi (Alaves);
  • Dennis Man (Parma);
  • Marius Marin (Pisa);
  • Razvan Marin (Empoli);
  • Valentin Mihaila (Parma);
  • Darius Olaru (FCSB);
  • Deian Sorescu (Gaziantep);
  • Nicolae Stanciu (Damac);
  • Adrian Sut (FCSB).

Attaccanti (4)

  • Denis Alibec (Muaither);
  • Daniel Birligea (CFR Cluj);
  • Denis Dragus (Gaziantep);
  • George Puscas (Bari).

Il profilo del CT della Romania a Euro 2024: chi è Edward Iordanescu

Edward Iordanescu è un allenatore meticoloso e preparato, che ha guadagnato la sua reputazione vincendo tre trofei con il CFR Cluj tra il 2020 e il 2021. Nominato allenatore della Romania nel gennaio 2022, ha guidato la squadra alla qualificazione per Euro 2024 senza subire sconfitte nel gruppo I.
Iordanescu predilige un sistema di gioco 4-2-3-1, che non si basa molto sul possesso palla, ma sfrutta efficacemente le ripartenze. Stando alle previsioni, Moldovan sarà il portiere titolare, con una difesa a 4 composta da Ratiu, Dragusin, Burca e Bancu. Il centrocampo vedrebbe Marin e Man a protezione della difesa, con Hagi, Stanciu e Dragus a supporto dell’attaccante principale, Puscas.

Curiosità e statistiche sulla Nazionale rumena agli Europei

La Romania ha partecipato a 5 edizioni degli Europei, l’ultima delle quali nel 2016. Il miglior risultato ottenuto è stato il raggiungimento dei quarti di finale nel 2000, eliminata dall’Italia allenata da Dino Zoff, con reti di Francesco Totti e Filippo Inzaghi. La squadra non è riuscita a qualificarsi per Euro 2020, pur avendo ospitato qualche partita dell’inedita versione “itinerante” della manifestazione.
Tra i giocatori con più presenze nei tornei finali degli Europei ci sono Gheorghe Hagi – in campo a Euro 2000 contro l’Italia, espulso per un brutto fallo che mise fine all’Europeo di Antonio Conte – con 8 incontri disputati, seguito da Cristian Chivu e Dorinel Munteanu con 7 gettoni ciascuno. Per quanto riguarda i gol, Bogdan Stancu è il miglior marcatore con 2 reti.

Gruppo E: tutte le news sulle avversarie della Romania a Euro 2024

La Romania è inserita nel girone E di Euro 2024, dove affronterà Ucraina, Belgio e Slovacchia. Scopriamo insieme le avversarie, le città e gli stadi in cui si giocherà

Ucraina

La squadra allenata da Serhiy Rebrov si è qualificata superando i playoff contro Bosnia-Erzegovina e Islanda. Nonostante abbia mancato il secondo posto nel proprio girone, battuta solo da Inghilterra e Italia, l’Ucraina è una squadra solida con una forte tradizione nelle competizioni europee.

17/06 (15:00): Romania-Ucraina, Allianz Arena di Monaco.

Belgio

Guidato dal nuovo allenatore Domenico Tedesco, il Belgio ha ottenuto la qualificazione battendo l’Austria. La squadra belga vanta giocatori di alto livello e ha raggiunto i quarti di finale nelle ultime 2 edizioni degli Europei, anche se non è riuscita a superare la fase a gironi del Mondiale 2022.

22/06 (21:00): Belgio-Romania, Cologne Stadion di Colonia.

Slovacchia

La Slovacchia si è qualificata per il terzo Europeo consecutivo grazie a una vittoria decisiva contro l’Islanda. Storicamente parte della Cecoslovacchia, vincitrice del torneo nel 1976, la Slovacchia ha ottenuto il miglior risultato come nazione indipendente nel 2016, quando ha raggiunto gli ottavi di finale.

26/06 (18:00): Slovacchia-Romania, Frankfurt Arena di Francoforte.