A Salisburgo i mercatini di Natale sono una tradizione sentita e molto antica, prima ancora che una forte attrazione per i turisti di tutto il mondo. Si dice che siano tra i belli d’Europa e in effetti l’atmosfera nella città austriaca scalda il cuore e fa vivere a pieno le emozioni delle festività natalizie. Ma cosa hanno di così speciale? Andiamo a scoprirlo.

Culla della musica, patria di Mozart e città del Natale: così si può sintetizzare il fascino di Salisburgo, seconda città dell’Austria, Paese che durante il periodo invernale soprattutto esercita un richiamo irresistibile anche grazie alla presenza di alcune delle più belle località sciistiche d’Europa.

E che ci troviamo nel gotha delle città con maggiore vocazione natalizia ce lo confermano un paio di informazioni. A Salisburgo è stato composto “Stille Nacht, heilige Nacht”, “Astro del ciel” in italiano, uno fra i più celebri canti di Natale al mondo, tradotto in oltre 300 lingue e dialetti. Inoltre, i primi Adventmarkt (Mercatini dell’Avvento) in loco sono testimoniati già nel XV secolo.

Salisburgo: i mercatini di Natale più belli in città

E allora proviamo a fare un salto nella magia di Salisburgo che in questo periodo è vestita a festa, brulica di persone e odora di golosità tipiche.

L’itinerario inizia dalla Getreidegasse, la via principale con le antiche botteghe che ci conduce al Duomo. Qui si tiene il Christkindlmarkt il mercato dell’Avvento più famoso in città. Circa 100 casette di legno riempiono la Domplatz e la Residenzplatz e tra i banchi si trovano addobbi per l’albero, accessori artigianali, ghirlande e tante specialità, come le imperdibili Mozartkugel (le celebri ‘palle di Mozart’). Mentre si girella è possibile sentire riecheggiare tra le guglie del Duomo il Turmblasen, il concerto di fiati (ogni giovedì’, venerdì e sabato alle ore 18 in punto).

La seconda tappa è alla Fortezza Hohensalzburg costruita sul monte Festungsberg, in posizione dominante sulla città. Si raggiunge in 5 minuti con la funicolare e dall’alto si gode di un panorama mozzafiato sulle chiese e sulle piazze cittadine. Ogni fine settimana, nel cortile della fortezza, si tiene un caratteristico mercatino di Natale.

Cosa gustare ai mercatini di Natale di Salisburgo

La visita a Salisburgo e ai suoi mercatini di Natale è l’occasione perfetta per concedersi qualche ‘peccato di gola’. Le tipicità gastronomiche spaziano dal dolce al salato: oltre agli immancabili crauti, alle patate cucinate in ogni modo, alle frittelle di mela e ai brezen, da assaggiare il Kaiserschmarrn, il pasticcio dell’imperatore, e i dolci della tradizione, in particolar modo i biscotti al mosto e quelli speziati alla vaniglia e cannella.

Per chi desidera una cena più comoda, il St. Peter Stiftskulinarium vanta il primato di ristorante più antico d’Europa (IX secolo) e propone piatti tradizionali in un ambiente natalizio molto pittoresco, con addobbi, alberi di Natale e ornamenti che ne fanno uno dei luoghi più fotografati di Salisburgo.

Non solo mercatini: Museo del Natale e Museo dei Giocattoli a Salisburgo

Se i mercatini di Natale di Salisburgo non sono bastano, ad alimentare il fuoco dello spirito natalizio ci sono due musei a tema: il Museo del Natale e il Museo dei Giocattoli. Tappe imperdibili soprattutto se si è in viaggio con i bambini.

Il Museo del Natale di Salisburgo si trova in piazza Mozartplatz, sopra lo storico Café Glockenspiel, e ospita una collezione storico-culturale davvero unica in Europa frutto della ricerca appassionata di Ursula Kloiber. Il Museo è visitabile sempre, eccetto durante la chiusura stagionale dal 1° febbraio al 15 marzo 2024. Orario di apertura: da mercoledì a domenica ore 10-18; durante il periodo dell’Avvento ogni giorno ore 10-18 (24 e 31 dicembre ore 10-13). Costo biglietto di ingresso: adulti € 9; bambini € 5; gratuito con SalzburgCard.

Il Museo dei giocattoli è un luogo dove i giochi si vivono e si sperimentano. Al piano terra gli spazi permettono di divertisti con piste per le biglie e costruzioni in legno. Al primo piano, si trovano la bottega di generi alimentari e le cucine per bambole. Fra le altre attrazioni il labirinto e la pista Carrera per sfidarsi in gare di velocità. Orario di apertura: da martedì a domenica ore 9-17 (chiuso il 24 e 25 dicembre; 31 dicembre orario 9-14). Prezzo di ingresso: adulti € 5; bambini e ragazzi (4-15 anni) € 2; famiglie (2 adulti e bambini) € 10; gratuito con SalzburgCard.

Come arrivare a Salisburgo

Salisburgo è situata al centro dell’Europa e ben collegata non soltanto con la capitale Vienna, ma anche con altre città europee, in particolare con Monaco di Baviera il cui scalo aereo è un comodo punto di riferimento per i turisti che programmano una gita a Salisburgo.

In aereo

Salisburgo è servita dall’Aeroporto W. A. Mozart dove fanno scalo diverse compagnie aeree di linea e low cost. Come detto, si può considerare anche l’aeroporto di Monaco di Baviera collegato a Salisburgo dai taxi navetta del Salisburger Mietwagen Service, dagli autobus Flixbus e da linee ferroviarie che partono dalla Ostbahnhof di Monaco e arrivano a destinazione in circa 2 ore e mezza. Utilizzando un’app di servizio voli è possibile provare le diverse combinazioni di date e di scali e trovare l’offerta più comoda e vantaggiosa.

In macchina

Dopo aver percorso l’autostrada A22 Modena-Verona-Brennero, si attraversa il Tirolo sulla A13 fino a Innsbruck, da qui con la E45 si passa attraverso la Germania e infine si prosegue sull’A8 fino a Salisburgo. Per chi arriva dal Nord-Est, prendere A23 Palmanova-Udine-Tarvisio, proseguire sulla A2 per Villach e imboccare la A10 fino a Salisburgo. Ricordiamo che le autostrade e le superstrade in Austria sono a pagamento e che il pagamento avviene tramite acquisto dell’apposita vignetta con validità diversa a seconda della durata.

In treno

La stazione centrale di Salisburgo, completata nel 1860, si trova al confine con la Germania ed è amministrata congiuntamente dalle ferrovie austriache (ÖBB) e da quelle tedesche (DB). Per tale motivo i collegamenti con la vicina Baviera sono frequenti, così come lo sono quelli con le principali città europee raggiungibili con Eurocity, Intercity e ICE.