Ecco tutto ciò che bisogna sapere sulla festa di San Patrizio, dalla storia alle curiosità sulla celebrazione del santo patrono irlandese. Un evento che oggi è diventato globale.

La festa di San Patrizio celebra il santo patrono dell’Irlanda, noto per aver introdotto il cristianesimo sull’isola. Nonostante non fosse originario dell’Irlanda, San Patrizio è diventato un simbolo del patrimonio culturale irlandese.

Questa festa, che unisce storia, cultura e divertimento, viene celebrata in tutto il mondo con grande entusiasmo.

Dalla data ai serpenti: le curiosità legate a San Patrizio

Scopriamo alcune curiosità più interessanti sulla Festa di San Patrizio

Perché San Patrizio si festeggia il 17 marzo

La festa commemora la morte di San Patrizio avvenuta proprio il 17 marzo de 461 a Saul, nella contea di Down, in Irlanda del Nord.

Nonostante le origini di San Patrizio siano discusse, poiché potrebbe essere nato in Galles o in Scozia, la sua figura è indissolubilmente legata all’Irlanda, paese in cui fu portato come schiavo all’età di 16 anni. La fuga dalla schiavitù e la successiva conversione al cristianesimo segnarono l’inizio del suo percorso di evangelizzazione dell’isola,

Il simbolo del trifoglio

Nella sua opera di evangelizzazione, San Patrizio si trovò a dover spiegare il cristianesimo a un popolo pagano. Per farlo, utilizzò simboli che fossero comprensibili alle persone. Tra questi, il trifoglio, che usò per spiegare il concetto della Trinità. Secondo la tradizione, il Santo avrebbe spiegato che le tre foglie rappresentavano le tre persone della Trinità unite in una sola entità divina, proprio come il trifoglio ha tre foglie ma è una sola pianta.

Il colore verde

La festa è diventata un’occasione per celebrare non solo il cristianesimo ma anche la cultura e l’identità irlandese, con tradizioni che includono l’indossare abiti verdi e fare decorazioni con i trifogli. Curiosamente, il colore originariamente associato a San Patrizio era il blu, ma il verde è diventato prevalente nel corso del XIX secolo, probabilmente come simbolo di indipendenza e nazionalismo irlandese.

San Patrizio e i serpenti

Tra le leggende associate a San Patrizio, una delle più famose è quella che narra la sua capacità di scacciare i serpenti dall’Irlanda, un racconto che simboleggia probabilmente la sua lotta contro le pratiche pagane. Tuttavia, l’assenza di serpenti in Irlanda è più verosimilmente legata a ragioni geologiche e climatiche, con l’isola che si è separata dalla terraferma prima dell’arrivo di questi rettili dopo l’ultima era glaciale.

Il Leprecauno

Tra le figure mitiche più amate e associate alla Festa di San Patrizio c’è il Leprecauno, un folletto schivo e solitario che, secondo la leggenda, nasconderebbe una pentola d’oro.

Generalmente, è raffigurato come un anziano con tanto di barba, cilindro in testa, gilet verde e scarpe nere.

I Leprecauni, custodi di un tesoro nascosto, sono astuti e fanno di tutto per proteggere la loro ricchezza. Si dice che, se catturati, i Leprecauni siano costretti a rivelare la posizione del tesoro ma, ovviamente, acchiapparli è estremamente difficile.

La tradizione del pinch

In alcuni luoghi, soprattutto negli Stati Uniti, c’è una tradizione non ufficiale secondo cui chi non indossa qualcosa di verde il giorno di San Patrizio, può essere pizzicato (pinched) da chiunque incontri.

Festival, parate e tradizioni per San Patrizio

La Festa di San Patrizio si celebra in tutto il mondo, specialmente dove ci sono grandi comunità di irlandesi.

Dublino, ovviamente, ospita uno dei festival più grandi, che dura diversi giorni e include parate, concerti, spettacoli di fuochi d’artificio e molto altro. Tuttavia, la parata più famosa per la Festa di San Patrizio è forse quella di New York, che attira migliaia di spettatori ogni anno.

Ovunque si festeggi, parate e musica si accompagnano a commemorazioni religiose, spettacoli di artisti di strada, fuochi d’artificio, e un tripudio di addobbi verdi.
Non mancano poi sidro e birra irlandese, in particolare la Guinness, birra scura di fama internazionale originaria di Dublino. I piatti tipici serviti includono il “Roast dinner“, accompagnato dal tradizionale “Soda Bread“, e come dessert la Apple Tart o la Guinness Cake, celebrando così la ricca tradizione culinaria irlandese​​.

Come arrivare In Irlanda, la patria della festa

Per raggiungere l’Irlanda, patria della festa, si hanno a disposizione diverse opzioni a seconda delle preferenze di viaggio:

  • L’aereo rappresenta il mezzo più rapido e diretto: basta prenotare un volo verso uno degli aeroporti principali, come quelli di Dublino, Cork e Belfast;
  • Per chi preferisce un’alternativa più panoramica, esiste la possibilità di arrivare in Irlanda via mare, utilizzando i servizi di trasporto marittimo da Francia e Inghilterra. Questa opzione può essere particolarmente suggestiva e permette di godere delle viste sull’oceano durante il viaggio, sebbene richieda più tempo rispetto al volo;

Una volta arrivati in Irlanda, il trasporto pubblico offre un eccellente modo per esplorare il paese. L’Irlanda dispone di un’ampia rete di autobus, treni e traghetti che collegano le principali città e le attrazioni turistiche, offrendo la possibilità di godere dei paesaggi mozzafiato mentre ci si sposta da un luogo all’altro.

La Festa di San Patrizio porebbe anche essere l’occasione giusta per esplorare l’Irlanda. Ogni angolo dell’isola offre qualcosa di unico, dalle città coi loro musei, alle bellezze naturali come le Scogliere di Moher, che si elevano fino a 214 metri sopra l’Atlantico, o il Giant’s Causeway, il promontorio famoso per le sue 40.000 colonne basaltiche che emergono dal mare.