Non solo tergicristalli! Ecco tutte le accortezze per sbrinare il parabrezza nelle fredde mattine invernali e prevenire la formazione del ghiaccio

L’arrivo del freddo porta con sé l’obbligo degli pneumatici invernali (o delle catene o delle calze da neve), ma anche diversi effetti negativi sulle auto e sulla guida: dalla più facile formazione di buche stradali alle prestazioni inferiori delle batterie delle auto elettriche. E poi, a tutti sarà capitato di uscire il mattino e trovare il parabrezza coperto da uno strato di ghiaccio. Ecco cosa fare prima di attivare il tergicristalli e qualche consiglio per prevenire il problema.

Perché il parabrezza si ghiaccia?

Il parabrezza dell’auto si ghiaccia nelle mattine invernali a causa della condensazione dell’umidità presente nell’aria. Durante la notte, la temperatura dell’aria diminuisce e può raggiungere il punto di rugiada, cioè la temperatura a cui l’aria satura d’umidità inizia a rilasciare l’acqua sotto forma di condensa. Questa può depositarsi sulla superficie del parabrezza. Quando poi la temperatura dell’aria scende al di sotto del punto di congelamento, l’acqua sulla superficie del parabrezza si congela, formando il ghiaccio.

Come prevenire il parabrezza ghiacciato?

Ci sono diversi metodi comuni per prevenire la formazione di ghiaccio sul parabrezza durante le notti invernali, se non si può parcheggiare al coperto.

Il sistema più semplice consiste nel coprire il vetro con un telo o una copertura apposita, in modo da ridurre la quantità di umidità in contatto con la superficie.

Esistono poi dei liquidi antigelo specifici per il parabrezza che impediscono la formazione di ghiaccio. Questi prodotti vengono applicati sulla superficie e creano uno strato protettivo.

Cosa fare per sbrinare il parabrezza prima di attivare i tergicristalli

Se l’umidità non si è ancora del tutto ghiacciata, lo strato di brina depositata sul parabrezza può essere facilmente rimosso attivando il tergicristalli e, se necessario, il sistema lavavetri. In quest’ultimo caso, è sempre bene assicurarsi che il liquido nel sistema contenga un’adeguata percentuale di antigelo, per prevenire la formazione di ghiaccio nell’impianto di spruzzo.

Se però lo strato di ghiaccio è già consolidato, l’immediata attivazione dei tergicristalli risulta inutile. Si può dunque procedere in diversi modi:

  • Accendere il riscaldamento e il sistema di ventilazione dell’auto qualche minuto prima di partire per sciogliere il ghiaccio sul vetro. Oggi, molte vetture sono dotate di sistemi di riscaldamento del parabrezza che possono accelerare questo processo;
  • Usare il raschiaghiaccio, ovvero il raschietto manuale appositamente pensato per la rimozione del ghiaccio;
  • Si può anche versare dell’acqua, per facilitare lo scioglimento, ma deve essere acqua fredda. Mai usare l’acqua calda. Il vetro del parabrezza è progettato per resistere alle variazioni di temperatura, ma il rapido cambiamento da freddo a caldo causato dall’acqua calda può generare stress termico e provocare crepe o fratture nel vetro. Se, poi, il veicolo è dotato di riscaldamento del parabrezza elettrico, versare acqua calda potrebbe danneggiare il sistema elettrico.

Se necessario, questi tre step possono essere seguiti dall’attivazione del tergicristalli, che eliminerà gli ultimi residui di ghiaccio.

Cosa fare se a congelarsi sono portiere e serratura

Può capitare che il freddo e l’umidità siano talmente intensi da portare al congelamento delle portiere dell’auto e della serratura.

In questi casi, la prima cosa da fare è verificare se tutte le porte sono bloccate o se ce n’è una che si apre. Se così fosse, sarebbe sufficiente per entrare nell’auto, accendere il riscaldamento e aspettare.

Per la serratura, si può usare un liquido antigelo apposito o provare a riscaldare leggermente la chiave, per esempio con un accendino, e a inserirla piano. L’importante è tenere la fonte di calore lontana dai tasti del telecomando, per evitare danni al chip interno.

Per far fronte ai disagi non solo dell’inverno ma durante tutto l’anno, è bene prestare sempre grande attenzione alla manutenzione del mezzo ed eseguire la regolare revisione auto.