Venerdì 5 luglio ci sarà uno sciopero degli aerei che interesserà i principali scali italiani. Ecco gli orari e tutte le altre informazioni.

L’estate inizia con uno sciopero che interesserà numerosi aeroporti italiani, causando potenziali disagi a chi sarà in viaggio domani, 5 luglio. Si prevedono dunque tre giorni di disagi per quanto riguarda il settore dei trasporti: non solo la mobilitazione negli aeroporti, ma anche lo sciopero dei treni previsto per il weekend.

Sciopero aerei 5 luglio: orari e aeroporti che hanno aderito

Recentemente Ryanair ha chiesto all’UE di intervenire contro i disservizi Atc europei, causati dalla mancanza di controllori. In questo contesto, è stato indetto un nuovo sciopero dei voli in Europa che coinvolgerà anche vari aeroporti italiani.

Secondo il bollettino ufficiale del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (aggiornato al 2 luglio), lo sciopero è programmato per domani, 5 luglio 2024. Si fermeranno:

Hanno aderito alla mobilitazione anche alcune compagnie aeree, come Aer Lingus. Il vettore irlandese ha cancellato numerosi voli internazionali a causa dello sciopero dei piloti, iniziato il 29 giugno e previsto fino al 7 luglio. La compagnia aerea ha annunciato sui social che sono possibili ritardi e cancellazioni su tutti i voli, ma i passeggeri possono cambiare la data del viaggio gratuitamente o richiedere un voucher per futuri voli.

I disagi per i passeggeri

Lo sciopero del 5 luglio potrebbe causare diversi disagi per i passeggeri, lunghe code al check-in e ai controlli di sicurezza, ritardi o cancellazioni dei voli. È importante restare aggiornati in tempo reale sul proprio volo per verificare la partenza. In caso di cancellazione, i passeggeri hanno diritto alla riprotezione o al rimborso delle spese sostenute per raggiungere la destinazione, ma non alla compensazione pecuniaria.

Felice D’Angelo, CEO di ItaliaRimborso, spiega: «In caso di sciopero, il passeggero può subire ritardi o cancellazioni del volo. Se non viene riprotetto dalla compagnia aerea con un nuovo volo, può sostenere le spese per raggiungere la meta e poi richiedere un rimborso rivolgendosi direttamente al vettore, a una claim company o a un legale di fiducia