Con lo sciopero dei mezzi a Roma l’11 aprile 2024 il regolare funzionamento del trasporto pubblico locale (e non solo) è a rischio. Possibili disagi in vista per lavoratori, pendolari, studenti e chiunque abbia necessità di spostamento nel giorno interessato.

Tale agitazione rientra nel quadro dello sciopero generale proclamato in tutta Italia dai sindacati CGIL e UIL. Le motivazioni riguardano «la richiesta di politiche ed interventi in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro; per cambiare la delega fiscale del governo e definire una diversa riforma per un fisco giusto ed equo

Tra le categorie interessate figura l’intero comparto dei trasporti. Modalità e tempi sono variabili in base al settore e alla città. La situazione non interessa solo i mezzi locali ma anche treni, autostrade, strade ANAS e navigazione.

Analizziamo ora la situazione a Roma, dove a causa della vastità dell’area urbana e della particolare rete viaria i cittadini dovranno ben pianificare la propria mobilità.

Sciopero mezzi a Roma: metro, bus e tram funzionano?

Al pari di quanto è previsto a Milano con metro, bus e tram, giovedì 11 aprile a Roma i mezzi ATAC e anche quelli gestiti da RomaTPL e ATI Autoservizi Troiani/SAP saranno regolarmente in funzione fino alle ore 20.00. Lo sciopero, infatti, osserverà una durata di 4 ore tra le 20.01 alle 24.00.

Quindi i principali imprevisti al trasporto pubblico capitolino potrebbero verificarsi nelle ore serali. In base a ciò, non sono previste le tradizionali fasce di garanzia nelle ore di punta. Da tenere presente che la linea A della metro, a causa dei lavori di manutenzione e sostituzione dei binari nella tratta Ottaviano-Battistini, da domenica a giovedì già osserva una chiusura anticipata alle ore 21.00 fino a dicembre.

Nelle stazioni della rete metropolitana e ferroviaria che resteranno eventualmente aperte non è assicurato il servizio di scale mobili, ascensori e montascale. Parcheggi di interscambio e biglietterie online non subiranno invece alcuna variazione.

Sciopero 11 aprile: attenzione a Cotral

Per quanto riguarda i collegamenti suburbani e regionali Cotral, di cui fanno parte i bus azzurri e le ferrovie Metromare (ex Roma-Lido) e Roma-Viterbo, lo sciopero dell’11 aprile è in programma dalle ore 13.00 alle 17.00.

Il servizio, invece, sarà regolare dall’inizio diurno fino alle 13.00 e dalle 17.01 al termine. Nelle quattro ore di agitazione, invece, bus e treni potrebbero subire variazioni o soppressioni e non ci saranno le fasce di garanzia normalmente previste per gli scioperi di 24 ore.

Treni a rischio l’11 aprile: gli orari

Lo sciopero nazionale riguarda anche il personale del Gruppo FS nella fascia oraria 9.00-13.00. Fa eccezione quello di Trenitalia nella regione Campania, i cui aderenti incroceranno le braccia venerdì 12 aprile dalle 9.00 alle 17.00.

L’azienda darà comunicazione aggiornata dei treni garantiti, esattamente come avvenuto in occasione delle precedenti agitazioni. Stesso discorso per i treni Italo. Si consiglia, in ogni caso, tenersi aggiornati sulla circolazione attraverso i canali digitali e gli annunci in stazione.

Come spostarsi a Roma quando c’è lo sciopero

Nei giorni di sciopero, la peggior soluzione- ma anche la più ovvia per molte persone- è quella di utilizzare l’auto privata, generando effetti negativi dal punto di vista del consumo di carburante. Questo è valido in particolare per una città come Roma particolarmente soggetta alla congestione del traffico.

Tuttavia la Capitale offre varie alternative per muoversi in agilità anche quando i mezzi pubblici non funzionano. C’è comunque da considerare il fatto che, trattandosi di uno sciopero serale, per gran parte della giornata metro, bus e tram saranno regolarmente in funzione.

Dal momento che lo sciopero, negli orari mattutini, interesserà soprattutto treni e bus suburbani e regionali, potrebbe essere opportuno lasciare la propria auto nei parcheggi di scambio ATAC e prendere da lì i trasporti pubblici. Oppure si può optare per i mezzi di micromobilità elettrica in sharing come il monopattino o la bici elettrica.