Guida di sopravvivenza in caso di sciopero dei mezzi a Napoli: quali sono le alternative di mobilità più pratiche per arrivare a destinazione? Leggi i nostri suggerimenti!

Sappiamo che, in caso di sciopero dei mezzi, il primo istinto è quello di prendere la macchina, ma sappiamo anche che questo ci porterà a ulteriori disagi: code infinite, clacson che suonano, insulti tra automobilisti, con il risultato che arriveremo a destinazione stressati e innervositi. Senza contare il pagamento della sosta sulle strisce blu e il rischio di prendere una multa (ma anche quello di incappare in una multa falsa, una truffa che è stata smascherata proprio a Napoli nel 2022).

E allora vediamo quali sono le alternative di mobilità, meno snervanti, più pratiche e molto più sostenibili, per chi non ha la possibilità di lavorare in smart working.

Sciopero dei mezzi a Napoli: i servizi di bike sharing

Il bike sharing in Italia non è più una novità e Napoli non è da meno.
I servizi a disposizione in città sono diversi:

  • Il servizio Napoli n’ Bike fornisce delle bici con pedalata assistita e a ricarica induttiva. La tariffa al minuto per noleggiare queste e-bike è di 0,05€ per un costo massimo al giorno di 26€;
  • Lime è l’altro servizio a disposizione in città e ha il vantaggio di arrivare anche verso le periferie.

Il bike sharing è anche un modo ecologico per muoversi in città e se non l’hai mai provato un giorno di sciopero potrebbe essere l’occasione giusta, approfittando del cashback che ti dà 60 minuti di noleggio gratis.

Monopattini elettrici in sharing in caso di sciopero dei mezzi a Napoli

In ambito di sharing mobility, anche il monopattino elettrico rappresenta un’ottima alternativa green all’automobile quando non puoi usare i mezzi pubblici.
A Napoli gli operatori sono Helbiz e Reby, con tariffe che partono da 0,20€ al minuto, ed è molto semplice trovare il monopattino più vicino a te e pagare il tempo esatto di noleggio tramite l’app dedicata.

Non dimenticare che per muoverti in monopattino ci sono regole molto precise che devi rispettare per non incorrere in sanzioni salate, che vanno dai 100 a i 400 euro.

Noleggiare uno scooter elettrico a Napoli

Gli scooter elettrici non godono ancora del servizio di sharing a Napoli: l’unico modo è quello di noleggiarne uno presso le società dedicate come Ecodrive, ma le tariffe partono da 40€, pur con casco e assicurazione compresi.

Sciopero dei mezzi a Napoli: il taxi

Resta ancora un’alternativa: il servizio WeTaxi è disponibile a Napoli via app, con il vantaggio che puoi prenotare la corsa, monitorare il tempo di attesa e pagare automaticamente, senza carte e contanti.

Se non hai la possibilità di spostarti con i mezzi durante le fasce protette, e se la distanza a piedi è tanta, i servizi di sharing rappresentano un modo economico, veloce e green per muoverti in città nonostante lo sciopero.
Tutti questi servizi tra l’altro sono a portata di tap in un’unica app: vuoi mettere la soddisfazione mentre superi agilmente gli automobilisti bloccati nel traffico?