Un nuovo sciopero dei treni è stato indetto per domenica 19 maggio 2024. Andiamo a scoprire nel dettaglio orari e fasce in cui il servizio è garantito.

Per domenica 19 maggio è prevista una nuova mobilitazione nazionale per quanto riguarda i treni. Dopo lo sciopero durante il ponte del 1 maggio sono previsti disagi per l’intera giornata in tutta Italia. Macchinisti, capitreno e addetti delle compagnie Trenord, Trenitalia e Trenitalia Tper hanno deciso di aderire. La decisione, comunicata dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, è stata confermata dalle società interessate. E c’è una ulteriore brutta notizia per tutti coloro che avevano programmato viaggi in treno durante il weekend: essendo un giorno festivo, non saranno garantite corse protette da fasce orarie. Andiamo a scoprire maggiori dettagli.

Sciopero 19 maggio 2024: treni fermi per 23 ore

A rendere note tutte le informazioni sulla giornata di sciopero ci ha pensato Trenord in una nota: «Dalle 3 di domenica 19 maggio alle 2 di lunedì 20 maggio 2024 i sindacati Cub Trasporti, Sgb e Usb hanno proclamato uno sciopero nazionale che potrà generare ripercussioni al servizio regionale, suburbano, aeroportuale e la lunga percorrenza di Trenord. Le fasce di garanzia non saranno attive, poiché lo sciopero è in una giornata festiva. Maggiori dettagli – prosegue la società di piazzale Cadorna – saranno disponibili sul sito trenord.it o seguendo gli aggiornamenti sulla circolazione dei treni in ‘real-time’ tramite la nostra App. Vi invitiamo a prestare attenzione sia gli annunci sonori trasmessi nelle stazioni, che alle informazioni in scorrimento sui monitor».

Per Trenitalia, «i treni possono subire cancellazioni o variazioni. L’agitazione sindacale può comportare modifiche al servizio anche prima dell’inizio e dopo la sua conclusione». I viaggiatori che hanno acquistato un biglietto e intendono rinunciare al viaggio, possono chiedere il rimborso a partire dalla dichiarazione di sciopero:

  • Fino all’ora di partenza del treno prenotato, per i treni Intercity e Frecce;
  • Fino alle ore 24 del giorno antecedente lo sciopero stesso, per i treni regionali.

«In alternativa si può riprogrammare il viaggio, a condizioni di trasporto simili, non appena possibile, secondo disponibilità dei posti. Ulteriori informazioni sugli altri canali web del Gruppo FS Italiane, assistenza clienti e biglietterie. Attivo call center 800 89 20 21», come spiega Trenitalia sul suo sito.

Nessuna ripercussione sul trasporto pubblico delle grandi città

È importante notare che lo sciopero riguarderà esclusivamente il personale ferroviario. ATM a Milano e le altre aziende di trasporti pubblici – tram, bus e metro – nelle principali città italiane opereranno regolarmente. Per viaggiare più agilmente ed evitare l’affollamento sui mezzi pubblici, si suggeriscono alternative come il car pooling, il car sharing o altre opzioni di mobilità condivisa (monopattini, scooter o biciclette), specialmente a Milano, Roma e negli altri grandi centri urbani.