Non tutte le strade dei paesi europei sono perfette per un viaggio in totale sicurezza. Curve, tornanti, pareti rocciose e tratti a strapiombo, rendono molti percorsi stradali particolarmente rischiosi da percorrere. Vediamo allora dove si trovano le strade più pericolose d’Europa e quali sono i paesi in cui guidare è meno sicuro.

Un bel viaggio on the road in Europa è sicuramente l’occasione per un break all’insegna della libertà, dell’avventura e della scoperta. Tuttavia, oltre a scegliere con cura le tappe del percorso e le destinazioni in cui fare sosta, è importante anche informarsi sulle strade che si dovranno percorrere.

Sebbene infatti la prudenza alla guida non sia mai troppa e si riveli, al contempo, utile dotarsi di un servizio di assistenza stradale, per disporre del soccorso in caso di necessità, esistono alcune strade in cui si registra un numero di incidenti particolarmente elevato e che richiedono, dunque, un più alto livello di attenzione.

Le strade più pericolose d’Europa

In Europa vi sono diverse strade davvero pericolose, anche per automobilisti o motociclisti attenti ed esperti. A confermarlo è una ricerca condotta dalla Stress Free Car Rental, società inglese di noleggio auto, che ha individuato i paesi con le strade maggiormente rischiose a livello europeo, tenendo conto dei dati relativi al tasso di mortalità per incidenti stradali.

Secondo i dati emersi dall’analisi, sul podio dei paesi con le strade più pericolose d’Europa si posizionano, in ordine, la Romania, la Bulgaria e la Croazia.

In Romania, in particolare, spicca per pericolosità, e anche per spettacolarità, la strada Transfagarasan. Aperta solo 4 mesi all’anno, attraversa riserve naturali, offrendo alla vista paesaggi mozzafiato, ma è al contempo estremamente ricca di tornanti, gallerie e tratti rischiosi.

Per fare un altro esempio, la Croazia, meta ideale per viaggi on the road, annovera tra le strade meno sicure, la Jadranska Magistrala. Si tratta della Strada Maestra Adriatica, che corre a strapiombo lungo la costa dell’Adriatico e collega Fiume a Dubrovnik. Il percorso, quasi interamente a doppia corsia, presenta tratti tortuosi e stretti, che innalzano la sua pericolosità.

Seguono, nella classifica dei paesi europei in cui risulta più pericoloso guidare, il Portogallo, la Lettonia e la Grecia. In Portogallo, a rivelarsi rischiose da percorrere sono la strada EN125 (Estrada National 125), che attraversa l’Algarve, e l’autostrada A1, che collega Porto e Lisbona e sulla quale si concentrano numerosi incidenti d’auto.

Un focus sull’Italia

E l’Italia? Anche il nostro paese è presente nella classifica delle strade più pericolose d’Europa, piazzandosi all’ottavo posto.

Non è un ottimo risultato e a confermare che in Italia si registri un elevato numero di incidenti stradali, anche mortali, sono i dati nostrani elaborati dall’Automobile Club d’Italia, che indica anche le strade maggiormente pericolose.

Secondo i dati rilevati da ACI in proposito a fine 2022, i tratti stradali più rischiosi d’Italia, in base al numero di incidenti occorsi per km, sono:

  • L’ingresso urbano dell’Autostrada A24 Roma – Teramo;
  • La Tangenziale Nord di Milano nel tratto Monza e Brianza;
  • La Diramazione Capodichino A1 in Provincia di Napoli.

Lo stesso report individua anche le strade statali più pericolose del paese. Queste, sempre in base al numero di sinistri registrati, sono le Statali:

  • 719 Prato-Pistoia in Provincia di Firenze;
  • 36 del Lago di Como e dello Spluga, nel tratto in provincia di Milano;
  • 671 Asse Interurbano di Bergamo.

Dove si trovano le strade meno pericolose d’Europa

Leggendo la classifica delle strade più pericolose d’Europa partendo dal basso, possiamo individuare anche le nazioni che presentano invece le strade più sicure e nelle quali si registrano, quindi, meno incidenti gravi.

I paesi più virtuosi in questo senso sono la Norvegia, la Svezia e l’Islanda, e si posizionano bene anche Danimarca, Regno Unito e Svizzera.

In questi paesi infatti la mortalità stradale presenta un tasso molto più basso a segnalare come le strade siano maggiormente sicure, ma anche che, probabilmente, i comportamenti alla guida sono maggiormente responsabili.

Suggerimenti per una guida sicura all’estero

Sia che si guidi in un paese le cui strade sono considerate maggiormente pericolose, sia che si viaggi su percorsi sicuri, si deve prestare sempre molta attenzione e prendere tutte le precauzioni utili per mettersi alla guida in sicurezza.

Prima di partire, ad esempio, è bene informarsi sulla segnaletica e sulle regole di circolazione stradale, specifiche del paese meta del viaggio. Inoltre, è utile mettere in atto tutte le accortezze necessarie a prevenire e gestire il colpo di sonno durante la guida.

Infine, in via precauzionale, è importante informarsi preventivamente su cosa fare in caso di incidente all’estero, per sapere come gestire l’eventuale coinvolgimento in un sinistro stradale.