Dal 3 al 10 febbraio 2024 si festeggia la settimana del matrimonio, un’occasione speciale per passare del tempo insieme alla tua dolce metà e rafforzare, attraverso viaggi e attività di coppia, il vostro legame d’amore.

A pochi giorni da San Valentino, vi è un’altra data che celebra l’amore.

Si tratta della settimana del matrimonio, al cui interno sono presenti due giornate da ricordare, ovvero la Giornata del Matrimonio Cristiano (3 febbraio) e la Giornata della Famiglia Cristiana (10 febbraio).

Come per la Giornata Mondiale dei Genitori e la Festa dei Nonni, anche l’occasione del 3 febbraio può rivelarsi un’opportunità da cogliere per valorizzare non solo un ruolo, ma l’unione d’amore tra due persone.

Come nasce la settimana del matrimonio?

La settimana del matrimonio è un evento che ha origini statunitensi. Le coppie sposate lo festeggiano generalmente nella seconda domenica di febbraio.

L’idea di celebrare il ruolo di marito e moglie è stata portata avanti dall’organizzazione Worldwide Marriage Encounter, parte del movimento Catholic Marriage Encounter.

In particolare, tutto è nato nel 1981 in Louisiana. Le coppie di una cittadina convinsero il sindaco, il vescovo e il governatore a conferire alla giornata di San Valentino il nome di “noi crediamo nel matrimonio”.

L’iniziativa si diffuse con successo e l’organizzazione nazionale del Worldwide Marriage Encounter decise di adottarla. Nel 1983 cambiò il suo nome in Giornata Mondiale del Matrimonio.

Il matrimonio, un rito importante che ha attraversato i secoli

Nonostante la settimana del matrimonio sia una festa principalmente statunitense, molti paesi del mondo preservano antiche tradizioni legate al rito che suggella l’amore di due persone.

In Italia, il matrimonio che tutti conoscono si lega a simboli precisi, come il sacramento cattolico, il vestito bianco della sposa, le fedi, il bouquet, la marcia nuziale e tanto altro.

Questo rito cristiano nacque nel Medioevo, e in particolare durante il Concilio Lateranense IV, per poi essere ripreso e leggermente modificato dopo la Rivoluzione Francese, con l’istituzione del matrimonio civile. Quest’ultimo venne introdotto in Italia solo dopo l’Unità, nel 1865.

In realtà, le origini del matrimonio sono molto più lontane poiché tante civiltà antiche lo utilizzavano per regolamentare il legame di coppia. Ogni cultura presentava modalità diverse; nel matrimonio greco e romano, ad esempio, la donna ricopriva generalmente un ruolo subalterno all’uomo.

Molto diverso, invece, era il rito egizio, che conferiva parità di potere e dignità nella coppia sia all’uomo che alla donna.

Infine, la moglie era più valorizzata anche nelle nozze etrusche, come dimostra il romantico e affascinante Sarcofago degli Sposi, arrivato fino a noi e conservato nel Museo di Villa Giulia, a Roma.

Settimana del matrimonio, festeggiala con un viaggio

Puoi approfittare della settimana del matrimonio per organizzare uno splendido viaggio insieme a tua moglie o a tuo marito.

In Italia vi sono molte destinazioni romantiche, come ad esempio il lago a forma di cuore o i graziosi borghi da visitare a piedi.

Non mancano le città famose per i propri scorci meravigliosi e le proprie storie d’amore, come la Verona di Romeo e Giulietta o i canali e i le eteree architetture che impreziosiscono Venezia.

Infine, puoi rendere il tuo tour romantico anche green, contribuendo al turismo sostenibile con un viaggio in treno o in auto elettrica, optando anche per itinerari a piedi o in bici.

Prima di partire, ricordati di scaricare un’app per i servizi carburante, in modo da rendere più comodo e veloce il tragitto.