La Missione Ue che punta a realizzare 100 smart city “climate neutral” entro il 2030 va avanti e premia l’impegno dell’Italia per un futuro sostenibile. Firenze e Parma, che hanno appena ottenuto il prestigioso riconoscimento, collaboreranno attivamente con le altre città vincitrici. 

Firenze e Parma si distinguono anche per il loro impegno verso la sostenibilità ambientale. Entrambe le città hanno dimostrato una leadership nella riduzione delle emissioni di CO2 e nell’adozione di politiche climatiche innovative. L’attribuzione del Marchio UE per la Neutralità Climatica sottolinea il ruolo cruciale che le città italiane giocano nella transizione ecologica.

Firenze e Parma sono anche tra le città pilota scelte dall’UE per la prima fase del progetto NetZeroCities, finalizzato a supportare le città europee nel diventare smart city a impatto zero entro il 2030. Delle 53 città pilota, 9 sono italiane. Oltre Firenze e Parma, ci sono anche Bergamo, Bologna, Milano, Padova, Prato, Roma e Torino: con questi numeri, l’Italia supera nei riconoscimenti gli altri Paesi.

Le città 21 città d’Europa in prima linea verso la neutralità climatica

Oltre Firenze e Parma, altre 21 città europee sono state premiate con il Marchio UE per i loro sforzi nel combattere il cambiamento climatico:

Nello scorso ottobre erano state premiate altre 10 città smart che hanno dimostrato un impegno eccezionale nella riduzione delle emissioni di carbonio e nell’adozione di politiche climatiche innovative:

  • Klagenfurt (Austria);
  • Sønderborg (Danimarca);
  • Mannheim (Germania);
  • Cluj-Napoca (Romania);
  • Madrid, Valencia, Valladolid, Vitoria-Gasteiz e Saragoza (Spagna);
  • Stoccolma (Svezia).

I Contratti Urbani per il clima e la loro importanza

I Contratti Urbani per il Clima (CCC, Climate City Contracts) rappresentano uno strumento cruciale nella trasformazione verso la neutralità climatica delle città premiate. Questi contratti sono il risultato di un processo collaborativo che coinvolge le autorità locali, i cittadini e gli stakeholder, delineando una visione chiara e concreta per ridurre le emissioni inquinanti e promuovere pratiche sostenibili.

L’importanza dei CCC risiede nella loro capacità di tradurre gli obiettivi di neutralità climatica e decarbonizzazione in azioni pratiche e misurabili. Attraverso questi contratti, le città possono pianificare e implementare interventi mirati in settori chiave come la costruzione di edifici sostenibili, la gestione dei rifiuti, la mobilità e la governance urbana. Inoltre, i CCC fungono da strumento di coinvolgimento dei cittadini, consentendo una partecipazione attiva nella definizione delle politiche climatiche e nell’implementazione di soluzioni condivise.

La flessibilità dei CCC consente alle città di adattare le proprie strategie alle specifiche esigenze e caratteristiche locali, garantendo un approccio su misura per affrontare le sfide climatiche. Inoltre, questi contratti favoriscono la collaborazione tra settore pubblico e privato, incoraggiando partnership e investimenti che accelerano il processo di trasformazione urbana verso la sostenibilità.

Le iniziative e gli investimenti per sostenere l’innovazione

Per sostenere ulteriormente gli sforzi delle città premiate, l’Unione Europea ha annunciato l’istituzione del Cities Mission Capital Hub, un centro di ricerca dedicato a facilitare progetti d’investimento e soluzioni di finanziamento. Questa iniziativa fornirà a Firenze, Parma e alle altre città strumenti e risorse essenziali per tradurre gli ambiziosi piani climatici in azioni concrete. Inoltre, la Commissione Europea ha stretto accordi con la Banca Europea per gli Investimenti per fornire servizi di consulenza finanziaria mirati alle città partecipanti. Questo garantirà un accesso più agevole ai finanziamenti pubblici e privati.

Il riconoscimento di Firenze e Parma- insieme alle altre smart city europee- con il Marchio UE per la Neutralità Climatica segna un importante passo avanti nella lotta contro la crisi climatica. Attraverso l’impegno per i Contratti Urbani per il Clima e il sostegno fornito dall’Unione Europea, queste città stanno dimostrando che una transizione ecologica è possibile e necessaria.