Le stazioni dei treni sono da sempre il crocevia di infinite destinazioni, frequentate nei secoli da milioni di persone che ne calpestano frettolosamente il suolo senza nemmeno alzare lo sguardo. Se potessero parlare, quante storie potrebbero raccontare! Ma fermandoci per un secondo ed ammirando le loro bellezze architettoniche, queste storie possiamo comunque sentirle. In questo articolo vi conduciamo attraverso le stazioni più belle e originali del mondo, in cui la magnificenza architettonica si fonde con i racconti delle città e dei viaggiatori. Preparatevi a trasformare, per qualche minuto, la frenesia quotidiana in un’esperienza visiva straordinaria.

Quali sono le stazioni più belle del mondo?

Tiziano Terzani diceva: «Quale altro posto, meglio di una stazione, riflette lo spirito di un paese, lo stato d’animo della gente, i suoi problemi?».
Nelle stazioni, a meno che non ci si lavori, siamo sempre e solo di passaggio per spostarci da un luogo ad un altro. La maggior parte delle volte, presi dalla fretta e dai nostri pensieri, non ci soffermiamo ad osservare le architetture e i dettagli degni di nota che contraddistinguono la stazione in cui ci troviamo. Alcune sono dei veri e propri colossi di nuova tecnologia; altre sono vive testimonianze di stili architettonici passati che raccontano la storia di una città o di un intero Paese.
Se vi capita di viaggiare in treno per lavoro o per avventura, in Italia e nel mondo, fermatevi ogni tanto ad osservare la stazione in cui vi trovate, dopo aver dato un’occhiata ai tabelloni degli arrivi e delle partenze.
Esistono tantissime stazioni ferroviarie al mondo che sono vere e proprie opere d’arte, ma non sono percepite come tali solo perché non vengono ammirate come meriterebbero. Così, vi accorgerete che Terzani non aveva affatto torto. A tutto, comunque, c’è rimedio: ecco le stazioni che, secondo noi, sono le più belle del mondo. Se poi doveste capitarci, siamo sicuri che vi ricorderete di fermarvi e guardarvi attorno per almeno dieci secondi. Perché ne vale davvero la pena.

La Stazione AV Mediopadana di Reggio Emilia, Italia

La Stazione AV Mediopadana di Reggio Emilia, Italia

Iniziamo il nostro elenco citando la Stazione di Reggio Emilia AV Mediopadana, la stazione dell’alta velocità che collega Milano con Bologna, inaugurata dieci anni fa. È perfettamente visibile anche dall’adiacente autostrada A1 e ha una modernissima forma a tunnel ondulato di colore bianco. Vi ricorda qualcuno, vero? Esatto, l’architettura è proprio in stile Santiago Calatrava, il famoso architetto spagnolo che l’ha progettata nel 2013. Oltre ad essere all’avanguardia e molto funzionale, merita una visita anche solo per ammirare da vicino il suo stile estremamente futurista.

La Stazione di Napoli Afragola, Italia

La Stazione di Napoli Afragola, Italia

Un’altra stazione ultra moderna, tutta italiana e tutta da visitare: la bianchissima Stazione dell’Alta Velocità di Napoli Afragola è stata progettata dall’architetta e designer irachena Zaha Hadid e ha aperto al pubblico nel 2017. Molti la considerano la stazione più bella d’Italia, e a ragione: vista dall’alto, presenta una forma allungata e sinuosa, affiancata da centinaia di comodi e ordinati parcheggi e aree verdi. L’obiettivo di Hadid, infatti, era quello di rendere la stazione uno spazio civico in cui le persone potessero incontrarsi e passare del tempo, e non più un luogo di frettoloso passaggio.

La Stazione di Milano Centrale, Italia

La Stazione di Milano Centrale, Italia

Rimaniamo ancora in Italia, per l’ultima volta: adesso è il turno della meravigliosa Stazione di Milano Centrale, inaugurata nel 1931 proprio nel luogo in cui sorgeva la sua antenata. La sua architettura è maestosa e imponente, ispirata alla stazione di Washington negli Stati Uniti. Oggi non è solo un crocevia di partenze e arrivi, ma anche un punto di ritrovo per molte persone che amano intrattenersi nella sfarzosa galleria commerciale interna, ricca di negozi e ristoranti.

La Gare de Lyon di Parigi, Francia

La Gare de Lyon di Parigi, Francia

Perfettamente in stile parigino, che più parigino non si può: la Gare de Lyon è considerata una delle più belle stazioni di Parigi e possiamo ammirarne ancor oggi l’originario aspetto rimodernato in occasione dell’Esposizione Universale del 1900. Impossibile non notare il suo fiore all’occhiello, la bellissima torre dell’orologio che ospita l’orologio più grande di Parigi, ancora provvisto del suo meccanismo originale.

La Stazione di Lisbona Rossio, Portogallo

La Stazione di Lisbona Rossio, Portogallo

Se capitate a Lisbona non potete perdervi la piccola Stazione Rossio, nel centro della città: l’architettura è in stile neo-manuelino risalente al XVI secolo e ha la particolarità di accogliere i viaggiatori attraverso due insoliti e grandi portali a ferro di cavallo, sopra i quali svetta un’elegante torre dell’orologio finemente decorata. Per arrivare ai treni, inoltre, è necessario prendere l’ascensore perché i binari si trovano a 30 metri di altezza rispetto all’entrata principale!

La Stazione di Lisbona Oriente, Portogallo

La Stazione di Lisbona Oriente, Portogallo

Battezzata Calatrava come la stazione di Reggio Emilia, la Stazione di Lisbona Oriente è sicuramente un altro edificio da non perdere durante un viaggio in treno, ma anche semplicemente da visitare in occasione di una visita alla città. Una tettoia incantatrice e futuristica sostiene un’enorme copertura di vetro sotto la quale scorrono i binari sopraelevati, che collegano Lisbona con il resto del Portogallo.

La Stazione São Bento di Porto, Portogallo

La stazione São Bento di Porto, Portogallo

La Stazione di São Bento, a Porto, ha una storia tutta da raccontare e lo fa nella maniera più affascinante del mondo: in oltre 20.000 azulejos, le caratteristiche piastrelle bianche e azzurre portoghesi collocate nelle pareti della hall, sono dipinti i momenti storici più importanti del Portogallo. Dalla battaglia di Veldavez, passando per la conquista di Ceuta e altri luoghi simbolo del Portogallo, ripercorrerete la storia del Paese e il tempo sembrerà fermarsi. Attenzione però, perché perdere il treno è un attimo!

La King’s Cross Station di Londra, Inghilterra

La King’s Cross Station di Londra, Inghilterra

La riqualificazione della Stazione di London King’s Cross è durata per più di 15 anni ma ci ha lasciato una meraviglia architettonica inestimabile. Anche se ancora mantiene l’originale facciata esterna del 1852, i lavori di ammodernamento interno della stazione sono terminati nel 2013 e oggi offrono nuovi e moderni servizi a oltre 50 milioni di viaggiatori all’anno. Gli otto binari sono stati coperti da padiglioni in vetro ed è stato installato un enorme atrio coperto semicircolare sorretto da colonne d’acciaio a forma di albero, che attualmente coincide con l’ingresso ovest della stazione.
Una curiosità sulla King’s Cross Station che piacerà agli amanti del fantasy: proprio qui potrete trovare il celebre “binario 9 ¾” del film di Harry Potter e scattare alcune fotografie vicino al carrello che scompare, magicamente, dentro la parete della stazione per catapultare i maghetti alla fermata dell’Hogwart’s Express.

La Stazione di Amsterdam Centrale, Olanda

La Stazione di Amsterdam Centrale, Olanda

La Stazione Centrale di Amsterdam è stata edificata nel 1889 in un’isola artificiale nella zona nord del centro storico. A prima vista sembra un palazzo signorile o addirittura regale: l’affascinante stile neorinascimentale ottocentesco della facciata fa da padrone, tanto che la stazione è stata classificata come rijksmonument, cioè un edificio di rilevante bellezza e importanza storica. Non è un caso se assomiglia al famoso Rijksmuseum, il museo cittadino: l’architetto è lo stesso, Pierre J. H. Cuypers.

La Stazione di Rotterdam Centraal, Olanda

La Stazione di Rotterdam Centraal, Olanda

Se l’ingresso sul lato nord è modesto, l’entrata sul lato cittadino è davvero imponente e originale: l’inconfondibile forma triangolare della Stazione Centrale di Rotterdam dà il benvenuto a cittadini e turisti che ogni giorno transitano sui suoi binari, mostrando orgogliosa una splendida hall panoramica da cui godere della vista dell’intero edificio.

La Stazione di Madrid Atocha, Spagna

La Stazione di Madrid Atocha, Spagna

È sicuramente la stazione principale di Madrid, quella più antica (è stata inaugurata nel 1851) e anche quella più bella, perché appena vi si entra sembra di essere… nella giungla! All’interno della Stazione di Madrid Atocha, infatti, è collocato un grande giardino tropicale di circa quattromila metri quadrati che contiene più di 500 specie di piante. Sicuramente chi perde una coincidenza non avrà tempo di annoiarsi.

La Berlin Hauptbahnhof, Germania

La Berlin Hauptbahnhof, Germania

Se state pensando di visitare Berlino, inserite nell’elenco delle attrazioni assolutamente da non perdere la stazione ferroviaria, anche se non dovete prendere alcun treno. La Stazione Centrale di Berlino è nata dall’idea dell’architetto Meinhard von Gerkan, il cui obiettivo era creare una “cattedrale del traffico”. È ci è riuscito in pieno, perché la Berlin Hauptbahnhof è la stazione ferroviaria multilivello più grande d’Europa. L’architettura è una tra le più spettacolari della capitale e fa filtrare, dalle vetrate, la luce del giorno fino ai livelli più bassi.

La Stazione Antwerpen-Centraal, Belgio

La Stazione Antwerpen-Centraal, Belgio

Un’altra tra le stazioni più belle del mondo è la Stazione Centrale di Anversa, che presenta un’enorme cupola in vetro e ferro che fa filtrare la luce naturale all’interno. Questa particolarità le ha valso l’affettuoso appellativo di “Cattedrale della ferrovia” e la annovera tra le stazioni più famose del mondo. Edificata tra il 1895 e il 1905, è stata rinnovata nel corso degli anni e attualmente si sviluppa su tre livelli, sotterranei compresi.

La Stazione Centrale di Helsinki, Finlandia

La Stazione Centrale di Helsinki, Finlandia

Inaugurata nel 1919, la Stazione Centrale di Helsinki è davvero spettacolare e non passa di certo inosservata! Costruita dall’architetto Eliel Saarinen, è rivestita in granito finlandese e, ai lati, ospita quattro enormi statue di titani che osservano tutti i passeggeri e tengono in mano una lanterna che si accende durante la notte.

La Stazione di Eismeer, Svizzera

La Stazione di Eismeer, Svizzera

È accessibile solo in treno, per cui non pensate di raggiungerla in auto! La Stazione di Eismeer è una delle più insolite del mondo, perché è nascosta all’interno del monte Eiger, nelle Alpi Bernesi, a un’altitudine di 3.159 metri. I treni vi sostano qualche minuto per far scendere gli spettatori e permettere loro di godere del bellissimo panorama circostante.

La Stazione Kazanskij di Mosca, Russia

Anche un viaggio in metro può diventare un'esperienza artistica nelle metropolitane più belle del mondo

Chi ama l’astrologia e la mitologia non può perdersi la Stazione Kazanskij, una delle 9 principali stazioni ferroviarie di Mosca. Sulla sua bellissima facciata neobizantina, infatti, spicca un orologio con segni zodiacali nel quadrante, mentre nella guglia dell’edificio sono presenti figure della mitologia slava. Anche gli interni sono riccamente decorati: ricordatevi di visitarla quando passate per Mosca!

La Stazione di Mumbai Chhatrapati Shivaji, India

La Stazione di Mumbai Chhatrapati Shivaji, India

La Stazione di Mumbai Chhatrapati Shivaji è una delle più antiche dell’India e per la particolarità dell’architettura è entrata nel 2004 nel Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Edificata nel 1888, è uno degli edifici storici di Mumbai di stile neogotico-vittoriano, con influenze indiane e veneziane, ed è anche la stazione più bella e frequentata del Paese.

La Stazione di Hua Hin, Thailandia

La Stazione di Kenitra, Marocco

Completamente costruita in legno, con un’antica locomotiva a vapore in bella mostra all’esterno come mascotte: basta questo per innamorarsi perdutamente della piccola stazione di Hua Hin in Thailandia. Per la sua costruzione, nel 1926, si è preso a modello il Palazzo reale di Sanamchan nella provincia di Nakhon, aspetto che la rende un caratteristico esempio di architettura storica locale. Accoglie i passeggeri (e ogni tanto anche la famiglia reale) con vivaci facciate gialle e rosse e una bellissima illuminazione durante la notte.

La Stazione di Kuala Lumpur, Malesia

La Stazione di Kuala Lumpur, Malesia

Nel 2001 la Stazione di Kuala Lumpur è stata sottoposta a un imponente restyling per dar vita a quello che possiamo vedere oggi: uno splendido edificio con archi decorati color crema e torrette che richiamano stili orientali e occidentali, anche se la costruzione è stata eretta secondo le specifiche delle ferrovie britanniche. Gli interni, invece, sono in stile moghul-moresco, tutti da ammirare a naso all’insù.

La Stazione di Kanazawa, Giappone

La Stazione di Kanazawa, Giappone

La Stazione di Kanazawa è la più frequentata della regione di Hokuriku ma anche una delle più belle. La costruzione risale al 1898 ma è stata recentemente rimodernata ed è assolutamente degna di nota soprattutto per l’enorme portone in legno a forma di tamburo, chiamato Tsuzumi-mon, e la futuristica cupola di vetro e acciaio. Nemmeno a dirlo, questo recente restyling ha reso la stazione il simbolo della città.

La Stazione West Kowloon di Hong Kong, Cina

La Stazione West Kowloon di Hong Kong, Cina

Potreste avere dei dubbi sulle vostre diottrie, quando vi imbatterete nell’originale e ultramoderna Stazione di West Kowloon: niente paura, è proprio l’edificio ad essere irregolare! La stazione più insolita di Hong Kong è stata progettata su piani sfalsati per poter essere attraversata camminando sul tetto, tra centinaia di alberi e arbusti. È un edificio inaugurato nel 2018 che fonde in sé il meglio dell’architettura e della tecnologia moderna, identificandosi pienamente con lo scenario urbano circostante. Data la sua grandezza (quasi 400.000 metri quadrati) potrebbe paragonarsi più a un aeroporto che a una stazione, ma un motivo c’è: ospita 15 linee ad alta velocità, 9 linee per i treni a lunga percorrenza e 6 linee per i treni che effettuano tragitti più brevi.

La Stazione di Dunedin, Nuova Zelanda

La Stazione di Dunedin, Nuova Zelanda

Sembra un castello principesco rivestito da pavimenti in marmo, pareti di pietra blu e finestre in vetro colorato, ma si tratta della bellissima Stazione di Dunedin, la più fotografata della Nuova Zelanda. Costruita in stile Rinascimentale Revival, è assolutamente da non perdere per i suoi interni barocchi affrescati e il grande orologio posto sulla torre.

La Stazione di Kenitra, Marocco

La Stazione di Kenitra, Marocco

Lo zampino dell’Italia fa capolino nell’estetica dell’originalissima Stazione di Kenitra: l’architetto italiano Silvio D’Ascia si è ispirato al tradizionale sistema di grate di ventilazione, chiamato mashrabiyya, e ne ha fatto quello che possiamo ammirare oggi. Non solo una stazione, ma uno spazio pubblico tutto da vivere all’interno di una struttura bianca e moderna, in cui spiccano grandi archi e vetrate.

La Los Angeles Union Station, Stati Uniti

La Los Angeles Union Station, Stati Uniti

Costruita nel 1935 in uno stile che racchiude il coloniale e l’art déco, la Los Angeles Union Station è la stazione più grande degli Stati Uniti dell’ovest. È stata l’ultima grande stazione ad essere costruita negli USA ed è un gioiello di architettura che racchiude il patrimonio storico della città, tra pareti di marmo travertino e cortili riccamente decorati. Una curiosità: nel 2021 ha ospitato la cerimonia degli Oscar.

Il Grand Central Terminal a New York, Stati Uniti

Il Grand Central Terminal a New York, Stati Uniti

Chi non ha potuto vederla in almeno un American Movie? Il Grand Central Terminal di New York è stata per anni la stazione ferroviaria prescelta dalle case cinematografiche americane per la sua bellezza e la sua storia. Costruita nel 1913, è la stazione ferroviaria più grande del mondo perché ospita 44 banchine e 67 binari su due livelli. Al suo interno non mancano, ovviamente, le occasioni per lo shopping: negozi, ristoranti, edicole e anche un mercato di prodotti alimentari freschi.