I migliori ciclisti e cicliste del mondo e un paesaggio di eccezionale bellezza nel cuore della Toscana: la Strade Bianche 2024, che apre la stagione professionistica, è pronta ad animare Siena e il suo territorio, catturando l’attenzione degli appassionati di tutto il mondo.

Sabato 2 marzo è il giorno della diciottesima edizione per la corsa in linea maschile e della decima per la competizione femminile. Un evento giovane, ma che dal 2017 fa parte dell’UCI World Tour e UCI Women’s World Tour (il circuito mondiale del ciclismo su strada) e si sta costruendo una tradizione importante, tanto da essere definita la “classica del nord più a sud d’Europa”.

Domenica 3 marzo, inoltre, ci sarà anche la Gran Fondo Strade Bianche dedicata agli amatori, con il numero record di 7000 iscritti. Andiamo ora alla scoperta delle caratteristiche della Strade Bianche di quest’anno.

Strade Bianche: pedalando tra cipressi e “crete”

La Strade Bianche deve il suo nome al fatto che si svolge in parte sui tratti di strada sterrati tipici delle colline toscane e in particolare dell’area di Siena, tra cipressi e terreni argillosi (le “crete senesi”). Al di là dell’aspetto agonistico, punto di forza di questa manifestazione è proprio il suggestivo paesaggio di questa provincia.

Dal capoluogo a Buonconvento, da Montalcino alla Val d’Arbia, la carovana sui pedali attraversa borghi, alture e vallate di grande interesse storico e ambientale. La corsa non prevede lunghe salite, ma una serie di strappi impegnativi. Inoltre, il fondo sterrato incrementa la difficoltà, mettendo alla prova l’abilità e la resistenza dei ciclisti.

Il percorso della gara maschile è lungo 215 chilometri, di cui 71,5 di sterrato, mentre quello della gara femminile è di 137 chilometri, di cui 40 di sterrato. Entrambi sono contraddistinti da una novità: un circuito finale da ripetere due volte. Si parte alla Fortezza Medicea di Siena e l’arrivo è nella scenografica Piazza del Campo, celebre per il Palio.

Noleggiare una e-bike nelle principali città italiane:
leggi le guide di Moveo


I campioni più attesi

Sono 25 le squadre partecipanti alla Strade Bianche 2024, per un totale di 175 ciclisti iscritti. Campione in carica della Strade Bianche è il britannico Thomas Pidcock, che come tale porta il numero 1 e si ripresenta in Toscana con l’intenzione di mantenere il titolo: sarebbe la prima volta che qualcuno riesca a vincere questa corsa per due anni consecutivi.

C’è quindi grande attesa per Tadej Pogacar. Lo sloveno ama particolarmente la Strade Bianche e vuole ripetere il trionfo del 2022. Occhio anche al colombiano Egan Bernal e al polacco Michal Kwiatkowski (primo nel 2014 e 2017). Assente l’olandese campione del mondo Mathieu van der Poel, mentre tra gli italiani da tenere d’occhio Alberto Bettiol, Pippo Zana, Andrea Bagioli, Lorenzo Rota.

Tra le donne, la cui gara precede quella degli uomini, partono favorite la detentrice Demi Vollering, olandese, e la campionessa del mondo, la belga Lotte Kopecky. A sfidarle l’italiana Elisa Longo Borghini, la britannica Elizabeth Deignan, l’olandese Marianne Vos, la polacca Katarzyna Niewiadoma.

Strade Bianche 2024: dove vederla in tv

La Strade Bianche 2024 maschile prende il via sabato 2 marzo alle ore 11.10. La diretta tv inizia alle 12.45 in chiaro su Rai Sport, per proseguire alle 14.00 su Rai due fino al termine (16.30 circa). La gara è visibile anche agli abbonati Eurosport 2 (pacchetto Sky) dalle 14.00. In streaming è disponibile dalle ore 12.45 gratuitamente su RaiPlay e agli abbonati di Eurosport.it, Discovery+, NOW, Sky Go, DAZN, TIM Vision.

La Strade Bianche 2024 femminile inizia sabato 2 marzo alle ore 9.35. Dalle 12.45 è visibile in diretta tv chiaro su Rai Sport, con arrivo previsto alle 14.00 circa. Su Eurosport 2 il collegamento comincia alle 12.00, così come sulle piattaforme streaming RaiPlay ed Eurosport.it, fino al termine dell’evento.