Facciamo insieme un giro in Italia seguendo le orme di Giuseppe Garibaldi, dall’Adriatico al Tirreno, attraverso città ricche di storia e paesaggi mozzafiato, da Ravenna a Cala Martina.

Seguire le orme di Garibaldi dall’Emilia-Romagna alla Toscana, durante la sua ritirata del luglio 1849, attraversando l’Umbria, la Toscana e le Marche, è un’esperienza che intreccia natura, storia e cultura. Dal mare di Ravenna ai sentieri toscani, scopriamo luoghi carichi di storia e bellezze naturali.

Da Ravenna a Forlì: le origini del viaggio

L'Italia di Garibaldi: un viaggio storico tra luoghi iconici e paesaggi

Il viaggio inizia a Ravenna, nota per i suoi straordinari mosaici bizantini che adornano basiliche come San Vitale e il Mausoleo di Galla Placidia. Questi capolavori, riconosciuti come patrimonio dell’umanità dall’Unesco, testimoniano il passato di Ravenna come capitale dell’Impero Romano d’Occidente e crocevia di culture mediterranee.
Proseguendo verso Forlì, il percorso attraversa paesaggi bucolici, dominati da vasti campi di girasoli e aree agricole dotate di moderni sistemi di irrigazione. Questa zona evidenzia un connubio tra la storicità del territorio e le innovazioni agricole contemporanee, elementi che caratterizzano la transizione dall’antico al moderno. I sentieri tra Ravenna e Forlì sono rettilinei e corrono accanto a canali gorgoglianti, offrendo un’immersione nella vita rurale italiana che prelude ai terreni più aspri della Toscana. Forlì, situata alle propaggini dell’Appennino, rappresenta un punto di transizione ideale, con un centro storico che ospita edifici rinascimentali e barocchi, e la Rocca di Ravaldino, simbolo delle antiche strategie difensive della città.
Questo segmento del percorso non solo introduce alle bellezze naturali e storiche dell’Italia, ma prepara anche al viaggio attraverso la Toscana, seguendo le tracce di Garibaldi e scoprendo il legame indissolubile tra la storia, la cultura e la natura italiane. Chi desidera raggiungere anche una sola di queste mete, può affidarsi al servizio provato voli per trovare la soluzione più adatta alle proprie esigenze.

Attraverso l’Appennino: Modigliana e Castrocaro

L'Italia di Garibaldi: un viaggio storico tra luoghi iconici e paesaggi

Proseguendo da Forlì, il viaggio si intensifica man mano che ci si avvicina a Modigliana, situata all’incrocio di due valli nell’Appennino. Questa sezione del percorso rivela un paesaggio che si trasforma, con ampie viste sugli Appennini e sentieri per piacevoli camminate, che serpeggiano tra antichi castelli e crinali rocciosi. Modigliana è un borgo ricco di storia. Le sue strade acciottolate e i palazzi storici narrano secoli di eroismo e resistenza. Un elemento distintivo della città è un bassorilievo che rappresenta Don Verità, un eroe locale, che aiuta Garibaldi ferito, simbolo del sostegno dei patrioti locali all’iconico leader del Risorgimento. Questa immagine non solo enfatizza il coraggio dei residenti ma segnala anche l’importanza storica di Modigliana nella lotta per l’indipendenza italiana. Qui, la storia del Risorgimento è palpabile, rendendo Modigliana un luogo dove il passato risorgimentale incontra il fascino rurale dell’Appennino.
Castrocaro (nella foto), invece, è rinomata per le sue terme e le sorgenti naturali, famose fin dai tempi antichi per le loro proprietà curative. La cittadina ospita anche una fortezza medievale ben conservata che offre viste panoramiche sulla valle circostante. Le acque termali di Castrocaro sono state utilizzate per trattamenti terapeutici e di benessere, rendendo questa località un’importante meta per chi cerca relax e cure termali.

Il cuore della Toscana: Prato, Firenze e Pisa

L'Italia di Garibaldi: un viaggio storico tra luoghi iconici e paesaggi

Proseguendo il cammino attraverso la Toscana, si giunge a Prato, dove il patrimonio tessile si fonde con l’architettura medievale, testimoniando la ricchezza culturale che caratterizza questa regione. Prato, famosa per la sua produzione tessile fin dal Medioevo, ospita il Museo del Tessuto e il Castello dell’Imperatore, che testimoniano la ricchezza culturale della città.
Non lontano, si trova Vaiano, un’altra località ricca di storia e cultura, e Santa Lucia allo Stale, con la sua tranquillità e il patrimonio artistico.
Empoli, con il Museo della Collegiata di Sant’Andrea, rappresenta una tappa da non perdere. Questo museo, spesso ignorato dai turisti, conserva opere d’arte di straordinaria bellezza, lontano dal caos delle grandi città.​
A Firenze, l’epicentro dell’arte e della storia italiana, ci si immerge nei capolavori rinascimentali che adornano ogni angolo della città, dal Ponte Vecchio alle opere custodite negli Uffizi. Firenze rappresenta il cuore dell’arte e della storia italiana, un’eredità che Garibaldi stesso ha contribuito a difendere. Una città splendida, da girare anche in monopattino.
Infine, Pisa con la sua iconica Torre Pendente simboleggia ingegno e perseveranza. Il complesso di Piazza dei Miracoli, con il Duomo e il Battistero, rappresenta l’eccellenza architettonica italiana​. Anche a Pisa è presente un comodo servizio di noleggio monopattini per visitare la città in maniera sostenibile.

Verso la costa: da Certaldo a Cala Martina

L'Italia di Garibaldi: un viaggio storico tra luoghi iconici e paesaggi

Lasciando Pisa, il percorso si snoda attraverso alcune delle città più pittoresche della Toscana. Certaldo, città natale di Giovanni Boccaccio, offre un’atmosfera medievale con strade lastricate e case in pietra rosata. Proseguendo, si raggiungono Poggibonsi e Colle Val d’Elsa, conosciute per i loro imponenti castelli e le chiese storiche che dominano il paesaggio collinare.
Volterra, circondata da mura etrusche, accoglie con un panorama che spazia dalla storia antica alla bellezza delle sue valli. Questa tappa prepara all’ultima parte del viaggio. Prima di dirigersi verso la costa, si visita Massa Marittima, una città su una collina con vista sul mare, offrendo scenari spettacolari e un’atmosfera ricca di storia.
L’itinerario include anche luoghi come Palazzuolo sul Senio, situato lungo l’antica Via Flaminia romana. Si passa anche per la Via degli Dei, un percorso storico che attraversa gli Appennini, e Monte Maggiore, che offre paesaggi mozzafiato e un legame profondo con la storia della regione.
Infine, si raggiunge Cala Martina (nella foto), luogo emblematico della fuga di Garibaldi. Qui, la storia incontra il mare in un paesaggio di tranquilla bellezza. Questo percorso garibaldino permette di vivere un’esperienza unica, tra città d’arte e paesaggi naturali, seguendo le tracce di uno dei più grandi eroi italiani. Un viaggio non è solo fisico, ma rappresenta un’immersione nella storia e nella cultura di un’Italia meno conosciuta, ricca di storie e paesaggi che attendono solo di essere esplorati.