Dal 15 marzo 2024 i mezzi pesanti in Slovacchia possono pagare il pedaggio con Telepass sulla locale rete autostradale e stradale. Diventano così 16 i paesi europei in cui è attivo il servizio certificato EETS (European Electronic Tolling Service).

Grazie alla collaborazione con il toll charger slovacco NDS-Národná Diaľničná Spoločnosť a.s., l’attivazione consente ai mezzi pesanti dotati di dispositivo Telepass SAT (K1) di non fermarsi ai caselli. I pedaggi sugli 8250 chilometri della rete stradale tassabile si possono pagare così in un’unica fattura successiva. Inoltre, permette loro di viaggiare sugli oltre 17.770 km totali della rete stradale slovacca, dove è previsto l’obbligo di avere a bordo un dispositivo di pagamento del pedaggio.

Il paese dell’Europa orientale si aggiunge così ai 15 già coperti dal servizio di telepedaggio interoperabile dedicato ai veicoli superiori a 3,5 tonnellate. Essi sono Italia, Francia, Belgio, Spagna, Portogallo, Austria, Germania, Danimarca, Svezia, Norvegia, Ungheria, Svizzera, Bulgaria, Polonia e Croazia.

Telepass in Slovacchia: un’Europa sempre più interconnessa

Telepass prosegue nel suo impulso all’internazionalizzazione e all’interconnessione dell’Europa, favorendo al contempo la mobilità sostenibile. Che si tratti di autovetture o di mezzi pesanti, infatti, utilizzare il telepedaggio rende più rapide e agevoli le procedure al casello, evitando il formarsi di code e quindi riducendo le emissioni inquinanti e il consumo di carburante. Un aspetto, questo, certificato anche da un recente studio.

Attualmente, con oltre 188.000 chilometri di strade e autostrade interconnesse, Telepass si afferma a livello continentale come il primo operatore di pagamento del pedaggio in Europa per i veicoli pesanti. L’impiego di un dispositivo interoperabile facilita i passaggi tra più Paesi e contribuisce alla semplificazione degli spostamenti di persone e merci.

Il sistema di riscossione elettronica dei pedaggi appena implementato in Slovacchia è attivabile attraverso i partner commerciali dell’azienda presenti in tutta Europa. Oltre ai dispositivi Telepass SAT, sarà esteso nei prossimi mesi a quelli Arianna2.

Telepedaggio e soluzioni per la mobilità

Secondo Francesco Maria Cenci, Head of Head of Italy & EU Tolling di Telepass “la Slovacchia costituisce un mercato chiave per il mondo dell’autotrasporto. Questo perché è un’area strategica che collega i flussi di trasporti tra est e ovest. Stiamo fornendo una soluzione agli autotrasportatori non solo slovacchi, ma di tutta Europa, attraverso un unico dispositivo interoperabile. Con la certificazione in Slovacchia, Telepass conferma la sua missione di semplificare gli spostamenti delle persone e delle merci“.

Da tempo Telepass, società del Gruppo Mundys, è impegnata nel realizzare servizi che rispondano alle moderne esigenze di mobilità. In tale ottica punta, oltre che sull’utenza privata, anche sul mondo dell’autotrasporto e della logistica. Inoltre, promuove soluzioni che consentano una gestione sempre più integrata a livello europeo, un’ottimizzazione del traffico con conseguenti benefici sui tempi di percorrenza e una riduzione dell’impatto ambientale dei mezzi.

Dal 12 al 15 marzo 2024, Telepass è presente a Verona con l’offerta dedicata al comparto dell’autotrasporto e della logistica a LetExpo, la fiera del trasporto e della logistica sostenibili promossa da ALIS (Associazione Logistica dell’Intermodalità Sostenibile). Al centro delle soluzioni presentate, oltre al Telepass SAT K1, si aggiungono i servizi della piattaforma telematica per la gestione della flotta. Questa consente il monitoraggio attento dei consumi, l’accesso ai dati in modo centralizzato e un’assistenza stradale premium in tutta Europa.