In questo articolo ti presentiamo una guida ai dieci monasteri più belli del mondo, luoghi dove respirare una profonda spiritualità e un’occasione per addentrarsi in culture diverse dalla nostra.

Oasi di pace e bellezza, i monasteri di ogni credo attirano non solo i fedeli ma anche i visitatori, che entrano in questi edifici sempre con grande rispetto ma anche con curiosità.
Questo tipo di mete non smettono mai di essere tra i trend di viaggio, sia per chi cerca un’esperienza di benessere interiore lontano dal trambusto cittadino, sia per chi si muove in ottica di slow tourism. Non solo: proprio perché alcuni di questi monasteri non sono facilmente raggiungibili, diventano interessanti anche per chi ama i viaggi più avventurosi.

I 10 monasteri più belli del mondo

I monasteri esistono quasi in ogni parte del globo, alcuni sono così particolari da costituire di per sé una meta di viaggio facilmente raggiungibile in aereo, altri sono così inaccessibili da richiedere una certa dose di coraggio per una visita: ne abbiamo scelti dieci tra i più affascinanti.

Grecia: i monasteri sospesi nel vuoto di Metéora

I monasteri di Metéora in Tessaglia, regione settentrionale della Grecia, sono stati faticosamente costruiti a ridosso di maestose formazioni in arenaria ad altezze vertiginose dal suolo.

Costruiti nel XIV secolo, sono un esempio straordinario di architettura sacra ortodossa. In passato i monaci vi si rifugiavano per sfuggire ai conflitti e alla persecuzione. Oggi, dei ventiquattro monasteri, sei sono ancora abitati dai monaci ortodossi che qui conducono una vita di preghiera, meditazione e contemplazione.

Bhutan: Taktsang o Tana della Tigre

Il Taktsang, conosciuto come la “Tana della Tigre”, è uno dei luoghi più sacri e iconici del Bhutan, nazione prevalentemente buddista nell’Himalaya orientale. Il monastero si trova su una scogliera a 900 metri sopra la valle di Paro.

Il complesso di templi è stato costruito nel 1962 attorno alla caverna in cui, secondo la leggenda, nel VIII secolo il Guru Padmasambhava era arrivato a cavallo di una tigre e dove aveva meditato per tre anni, tre mesi, tre settimane e tre giorni: il Taktsang, a lui dedicato, è il più importante centro di pellegrinaggio e di spiritualità per il buddismo himalayano.

Francia: l’Abbazia di Mont Saint-Michel

Situata in Normandia, l’Abbazia di Mont Saint-Michel è uno dei luoghi più iconici e visitati della Francia. Costruita nel 966 su un’isola rocciosa al largo della costa nord-occidentale e protetta dalle maree più alte d’Europa, questa abbazia è stata un importante centro religioso, politico e culturale fin dal Medioevo.

L’Abbazia, dedicata all’Arcangelo Michele, è stata un luogo di pellegrinaggio per secoli e oggi è patrimonio dell’umanità dell’UNESCO. L’architettura gotica e romanica, la posizione spettacolare e lo spettacolo delle maree che ne coprono la via d’accesso la rendono una delle destinazioni più suggestive non solo per chi è in cerca di spiritualità ma anche per chi vuole ammirarne la bellezza.

India: il monastero di Rumtek

Il Rumtek Monastery è un importante centro buddista nello stato indiano di Sikkim, vicino alla capitale Gangtok, a un’altitudine di 1.500 metri sul livello del mare. Eretto nel XVII secolo, il Rumtek è diventato il monastero principale della scuola Kagyu del buddismo tibetano in esilio.

Costruzione dalle dimensioni impressionanti, è considerato tra i monasteri dei più belli del mondo anche per la sua ricca collezione di dipinti thangka, statue sacre, manoscritti e antichi testi buddisti. Il Rumtek ospita anche il Trono d’Oro del Karmapa, una delle più alte autorità spirituali nel buddismo tibetano.

Birmania: il Taung Kalat

Taung Kalat, il Monastero sul Monte Popa, è un sito sacro buddista situato sulla cima di un vulcano spento nella regione di Mandalay in Birmania (Myanmar). È un luogo di grande importanza spirituale e di pellegrinaggio per i buddisti birmani.

Per raggiungere il monastero i visitatori devono scalare oltre 700 gradini lungo il fianco del monte, ma, una volta arrivati in cima, vengono accolti da una vista mozzafiato sulla campagna circostante e dall’atmosfera mistica del luogo, dove possono osservare i monaci che vivono e praticano la loro fede.

Cina: il Xuánkōng Sì o Tempio Sospeso

Il Monastero Sospeso di Xuánkōng Sì è un incredibile capolavoro architettonico situato nella provincia di Shanxi, in Cina. Costruito durante la dinastia Tang (618-907 d.C.), questo monastero è letteralmente incastonato nelle pareti di una scogliera a più di 75 metri di altezza. La sua costruzione, apparentemente sospesa nel vuoto, è un risultato straordinario di ingegneria: nonostante l’aspetto instabile, ha superato indenne decine di terremoti.

Un’ulteriore particolarità è che questo è l’unico esempio di tempio dove si combinano le tre religioni tradizionali cinesi: buddismo, taoismo e confucianesimo.

Egitto: il monastero cristiano di Santa Caterina

Il Monastero di Santa Caterina è uno dei monasteri cristiani più antichi al mondo. Situato ai piedi del Monte Sinai, in Egitto, terra del Nilo, questo monastero è dedicato a Santa Caterina d’Alessandria, martire cristiana del IV secolo.

Costruito nel VI secolo dall’imperatore Giustiniano, è un importante centro di spiritualità e cultura cristiana ortodossa. La sua biblioteca conserva una delle più antiche e importanti collezioni di manoscritti e documenti religiosi al mondo: tra questi, una Bibbia del IV secolo, la più antica mai conservata. Il monastero di Santa Caterina è anche famoso per la sua iconostasi, le icone antiche e il chiostro del VI secolo.

Irlanda: Skellig Michael

Skellig Michael è un inospitale isolotto roccioso al largo delle coste occidentali dell’Irlanda, nel Contea di Kerry.

Questo sito difficilmente accessibile, Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO, ospita un monastero cristiano costruito nel 588 sulla cima dell’isolotto ed è stato abitato dai monaci cristiani per secoli. L’isolamento e la natura impervia del luogo erano considerati ideali per la rigorosa vita monastica.

Tibet, Cina: Palchor

Il Monastero di Palchor, o Palchoe Monastery o ancora Pelkor Chode Monastery, è un importante sito religioso buddista situato nella città di Gyantse, nel Tibet centrale.

Costruito nel 1418, il monastero è un eccezionale esempio di architettura e arte tibetana. È noto per la sua torre Kumbum, una struttura a cinque piani che ospita migliaia di dipinti murali, statue sacre e mandala buddisti. Al suo interno si uniscono tutte e tre le sette del buddismo tibetano: Gelugpa, Sakkyapa e Bhuton.

Inghilterra: l’Abbazia di Glastonbury

Tra i monasteri più belli del mondo, non può mancare l’iconica Abbazia di Glastonbury, nel Somerset, è stata costruita nel VII secolo ed è stata un importante centro religioso e di pellegrinaggio per secoli.

È legata a numerosi miti e leggende: si dice che qui ci sono i resti mortali del leggendario Re Artù e di sua moglie Ginevra. L’abbazia è stata un importante centro di potere nell’Inghilterra medievale ed è stata un luogo di pellegrinaggio per migliaia di persone. Oggi i visitatori possono esplorare le rovine dell’abbazia e scoprire la sua ricca storia attraverso mostre e visite guidate.