Ricca di paesaggi verdi e rigogliosi, la Lombardia presenta numerose piste ed itinerari in bicicletta perfetti per vacanze all’insegna del turismo sostenibile. Scopriamo, quindi, quali sono le migliori ciclovie lombarde e programma con noi il tuo viaggio in mezzo alla natura.

Per una vacanza all’insegna dell’avventura non serve andare troppo lontani. Se siete amanti delle due ruote è l’occasione giusta per esplorare gli angoli più nascosti della Lombardia. Siete pronti a conoscere i più bei itinerari in bicicletta e scoprire i tanti piccoli borghi che potrete ammirare pedalando? Se state, quindi, pensando di saltare in sella alla vostra bici, vi consigliamo di fare affidamento ai servizi di mobilità in app così da rendere il vostro viaggio ancora più semplice.

Itinerari in bicicletta per una vacanza su due ruote

Sempre più persone propendono per una vacanza all’insegna del turismo sostenibile e della mobilità dolce, e a buon ragione. L’Italia è un paese che ha da offrire un patrimonio naturalistico enorme e soprattutto vario e la bicicletta è molto spesso il mezzo migliore per poterlo ammirare. Nell’articolo di oggi vogliamo concentrarci sulla Lombardia e farvi conoscere alcuni tra i suoi più bei itinerari in bicicletta. Ovviamente ce ne sono molti di più, ma questi in particolare presentano dei percorsi contornati da paesaggi molto belli e suggestivi, adatti a tutte le età, oltre che da piste non particolarmente impervie. In sella, dunque, e cominciamo il nostro viaggio!

Quali sono i migliori itinerari in bicicletta della Lombardia

Entriamo nel dettaglio e vediamo quali sono le più belle ciclovie per una vacanza in Lombardia:

Ciclovia del Mincio

La Ciclovia del Mincio – conosciuta anche come la come MantovaPeschiera – è una tra le prime piste ciclabili realizzate in Italia. Si parte da Desenzano e si pedala per 43,5 km lungo il fiume Mincio fino ad arrivare ai Laghi di Mezzo, Inferiore e Superiore. Si tratta di una pista piuttosto semplice essendo quasi tutta leggermente in discesa. Ad accompagnare la pedalata è il suggestivo paesaggio, bucolico e a tratti boschivo.

Franciacorta  

Ci spostiamo adesso nella bellissima zona collinare della Franciacorta, nota non solo per i suoi vini, ma anche per una delle ciclovie più belle della Lombardia. Si parte dal comune di Paratico con direzione Brescia, passando prima da Clusane sul Lago e poi dalla Riserva Naturale Torbiere del Sebino, dove si potrà ammirare il Monastero di San Pietro in Lamosa. Il percorso si snoda su circa 31 km ed è lontano dal traffico, quindi agevole per tutta la famiglia. Un piccolo consiglio: prendetevi del tempo per ammirare la bellissima vista sul lago di Iseo dal comune di Paratico.

Sentiero Valtellina

Sono ben 114 i chilometri del Sentiero Valtellina, un percorso ciclopedonale che si sviluppa lungo il fiume Adda. Si parte da Bormio fino ad arrivare in Val Chiavenna passando per i comuni di Tirano, Sondrio e Morbegno. La pista si affaccia, poi, sulla Riserva Naturale Del Pian di Spagna e Lago Mezzola, noto luogo di nidificazione di numerosi uccelli migratori. Se già il Sentiero stesso risulta essere un percorso piacevole e rilassante, gli splendidi paesaggi da cartolina non potranno fare altro che rimanervi nel cuore, rendendo il Valtellina uno degli itinerari in bicicletta più suggestivi della Lombardia. Buona parte della ciclovia, inoltre, è costeggiata dalla ferrovia, quindi si può prendere il treno al ritorno, se si è troppo stanchi.

Lago di Varese

Quella sul Lago di Varese è una ciclovia d’acqua molto semplice che si estende su 47 km. Pur non essendoci un effettivo punto di partenza, si è potuto notare come molti ciclisti preferiscano partire da Gavirate. Si prosegue lungo tutta la pista ad anello, passando da Oltrona al Lago, Groppello, Calcinate del Pesce e Schiranna. Tornando verso Gavirate, è possibile fare una deviazione da Cassinetta di Biandronno verso Varano Borghi dove si potrà ammirare il lago di Comabbio.

Naviglio Grande

Questa volta si parte dalla città di Milano, più precisamente dalla Chiesa di San Cristoforo sull’Alzaia Naviglio Grande. La ciclopedonale che costeggia il canale – che veniva utilizzato per trasportare merci dal Lago Maggiore al Duomo – porta il ciclista direttamente al Parco Naturale Valle del Ticino. Si prosegue per Trezzano sul Naviglio e si raggiunge Robecco (consigliamo di ammirare il suo imbarcadero), per poi tornare indietro ad Abbiategrasso passando per Cassinetta di Lugagnano.