Per la prima volta in quasi 150 anni, comincia il Torneo di Wimbledon a Londra con un italiano al numero 1 della classifica ATP, Jannik Sinner. Dall’1 al 14 luglio lo spettacolo del grande tennis è sui campi in erba inglesi. Andiamo alla scoperta della relazione profonda tra la capitale inglese e lo sport della racchetta.

Wimbledon è molto di più di un torneo di tennis. Fin dalla sua prima edizione nel 1877 è diventato un riferimento culturale di un movimento sportivo e più in generale di ciò che fa tendenza. A partire da quel total white sul look imposto ai giocatori che solo negli ultimi anni si sta leggermente allentando.

Jannik Sinner da numero uno al mondo

L’edizione 2024 della tappa sui campi in erba del Grande Slam di Londra comincia il 1° luglio e termina domenica 14 con la finale maschile, mentre sabato va in scena l’atto finale della competizione femminile. C’è una prima volta che entusiasma gli appassionati italiani di tennis: numero uno del seeding (il sistema di teste di serie che va a comporre il tabellone di gara) è Jannik Sinner.

Il tennista azzurro ha già vinto il primo Slam in Australia, mentre ha ceduto in semifinale al Roland Garros di Parigi a Carlos Alcaraz, detentore del titolo di Wimbledon. Ai The Championships di Londra se la giocano loro due, insieme all’eterno Novak Djokovic e qualche possibile sorpresa, tra cui potrebbe rientrare l’altro italiano Matteo Berrettini (che però dovrebbe incrociare al secondo turno proprio Sinner).

Nel torneo femminile una lanciatissima Jasmine Paolini prova a farsi valere anche sui campi in erba, forte della sua settima posizione mondiale. Wimbledon ha anche le competizioni di doppio: maschile, femminile e misto.

Londra offre troppi spunti per poter dire che la città si ferma per dei match di tennis. È vero, però, che assistere al Torneo può essere l’occasione per approfondire la conoscenza della zona residenziale di Wimbledon, un’area della capitale inglese piuttosto fuori dai circuiti turistici più tradizionali e con diverse cose interessanti da vedere e fare.

Conosci il villaggio medievale di Wimbledon?

Parco di Wimbledon

Wimbledon è un sobborgo benestante nella zona sud-est di Londra, a una decina di chilometri dal cuore della capitale inglese. La sua parte più caratteristica è il Village, che rappresenta il nucleo medievale ricco anche di stalle dove i residenti tengono i loro cavalli per le uscite nelle campagne circostanti. È una zona piuttosto chic e con una lunga storia, a differenza della Town, sorta attorno alla stazione ferroviaria verso metà Ottocento.

Una delle zone più interessanti da visitare è il Common, area verde all’interno del quale c’è anche un mulino a vento e specie naturali esotiche a Cannizaro Park, meta di picnic e passeggiate domenicali.

Curiosità sul Torneo di Wimbledon

Wimbledon e tennis, fragole e panna

Wimbledon è il torneo di tennis più antico del mondo. La prima edizione si è svolta nel 1877, e da allora si è giocato ogni anno, con interruzioni durante le due guerre mondiali e quella recente causa Covid nel 2020. Si è sempre disputato su erba ed è noto anche per l’obbligo-invito di vestire di bianco quando se ne calcano i prati.

Sulle tribune dei 19 campi il cibo più iconico consumato durante il torneo è sicuramente la dolce combo “fragole con panna”. Ogni anno, ne vengono servite circa 28.000 kg di fragole e 10.000 litri di panna. Sono invece quasi 55.000 le palline utilizzate per le due settimane di gara. Come gli esperti di tennis sanno, soltanto nel 2022 è stata interrotta la tradizione che prevedeva la sospensione delle partite nella domenica tra le due settimane di gioco.

Curiosità sull’All England Lawn Tennis and Croquet Club

Il circolo dove si gioca da sempre il torneo, è stato fondato nel 1868 come club di croquet. Il tennis è stato introdotto successivamente e ha guadagnato popolarità rapidamente. Il club ha un numero limitato di membri, che include alcuni dei più famosi giocatori di tennis del mondo, oltre a figure di spicco della società britannica. Ogni anno, tutti i membri ricevono un manuale dettagliato che include informazioni su ogni aspetto della vita del circolo, dalle regole del club ai dettagli sugli eventi sociali.

Severissima e durissima è anche la selezione per diventare membro effettivo o temporaneo. Il candidato deve ottenere le lettere di sostegno di quattro membri effettivi, due dei quali devono conoscere il candidato da almeno tre anni. Il nome viene quindi aggiunto all’elenco dei candidati. I soci onorari vengono eletti di volta in volta dal comitato del club.

Come assistere al torneo di Wimbledon

Torneo di Wimbledon

La tradizione forse più sorprendente di Wimbledon è che rappresenta uno dei pochissimi tornei sportivi di così alto livello in cui è possibile acquistare i biglietti d’ingresso (una piccola parte) direttamente il giorno delle partite. Si forma fin dall’alba (a volte la sera prima) una lunga coda per acquistare uno dei biglietti disponibili per i campi principali (Show Court) o un biglietto per l’accesso ai campi secondari (Grounds ticket).

I biglietti vengono venduti uno per persona in coda e non sono trasferibili. Sull’app myWIMBLEDON gli iscritti ricevono aggiornamenti in tempo reale e comunicazioni durante tutta la giornata e si possono registrare nella coda. Se siete a Londra e amate lo sport, e in generale gli eventi più cool del mondo, è un’occasione da non perdere.

Come raggiungere i campi di Wimbledon

I campi del Torneo sono raggiungibili con la metro con le stazioni di Southfields e Wimbledon (entrambe in zona 3) e sono a circa 20 minuti a piedi dal circolo. Dalla stazione è previsto lo shuttle bus che porta ai campi, con tariffe a 4 euro e 6 sterline (andata e ritorno).

Giocare a tennis a Londra (anche gratis)

Chi ama giocare a tennis, oltre che vedere le partite, trova nella capitale tante soluzioni interessanti. In dieci parchi del quartiere di Ilford, nel nord-est di Londra, sono presenti campi da tennis, tra cui a Goodmayes Park, che possono essere prenotati durante gli orari di apertura del parco: gratuitamente fino alle 12 e per poche sterline nel resto del giorno.

Se, invece, ci si vuole sentire più nel pieno della vita londinese, bisogna aprire il portafoglio e poi mettersi in coda. Ci sono gli esclusivissimi Holland Park Lawn Tennis Club e The Hurlingham Club (che ha tra i suoi iscritti alcuni membri della famiglia reale). Più a buon mercato, e in paesaggi bellissimi, ci sono i campi dei Park Sports, ad Hyde Park, The Regent’s e Greenwich.