Esplora Bangkok, capitale della Thailandia nonché la meta orientale che non può mancare nel curriculum di ogni appassionato viaggiatore. 

Se ti stai chiedendo dove trascorrere l’estate 2024 Bangkok potrebbe essere la risposta più giusta, soprattutto se al classico turismo di massa preferisci quello sostenibile. La capitale thailandese è infatti tra le destinazioni turistiche più sostenibili del 2023.

In questo articolo ti guidiamo attraverso i suoi famosi quartieri, certi che ti verrà voglia di prenotare un volo in direzione della città degli angeli.

Esplora Bangkok, il punto di incontro tra Oriente e Occidente

Bangkok- in thailandese, Krung Thep, città degli angeli- con i suoi 10 milioni di abitanti è la capitale della Thailandia in senso assoluto: la città è infatti il cuore pulsante di tutte le attività politiche, economiche, sociali e religiose del Paese.

Nell’enorme metropoli multiculturale, che accoglie persone provenienti da ogni angolo del Pianeta, passato e presente si intrecciano, andando a creare un mosaico di tradizione e modernità.

Questa è infatti la città dei contrasti per eccellenza: da un lato, conserva tutte le caratteristiche tipiche di una realtà orientale, con i suoi quartieri-villaggi, i suoi templi buddisti con i monaci che fanno la questa, i suoi canali e i tradizionali colori e odori del cibo cucinato e consumato all’aperto. Dall’altro lato svettano i grattacieli, i centri commerciali a otto piani, i ristoranti lussuosi, le discoteche mondane e i cinema ultramoderni.

Bangkok riesce a tenere insieme Oriente e Occidente in un modo tutto suo e forse è per questo che affascina così tanto, al punto da figurare tra le mete più gettonate del 2024.

I 5 quartieri di Bangkok da non perdere

La metropoli thailandese è divisa in ben 50 distretti, che inglobano oltre 2000 comunità. Visitarli tutti è un’impresa ardua, anche perché la quantità di attrazioni è sbalorditiva. Ecco perché, per godere appieno di tutto ciò che Bangkok ha da offrire, è consigliabile concentrarsi su alcuni quartieri chiave. Noi te ne consigliamo 5, quelli che sono in grado di offrire un assaggio della ricchezza culturale della città.

Siam Square, il quartiere dello shopping

Siamo in quello che viene considerato il centro della città, la zona migliore dove fare shopping in centri commerciali di lusso come il CentralWorld, il più grande centro commerciale della Thailandia, e nelle boutique dei più grandi stilisti.

Oltre allo shopping, Siam Square offre una ricca varietà di attrazioni turistiche. Tra queste, il Bangkok Art e Culture Centre, un museo interattivo che ospita una vasta collezione di opere d’arte locali e internazionali. Non lontano si trova l’Erawan Shrine, un santuario induista dedicato a Phra Phrom, la rappresentazione thailandese del dio induista Brahma.

Taling Chan e i mercati galleggianti

Non si può andare a Bangkok senza avventurarsi nei suoi mercati galleggianti dove frutta, verdura e cibo tradizionale vengono venduti direttamente dalle barche che navigano nell’acqua del canale.

A soli 12 chilometri dal centro della città c’è il primo dei mercati galleggianti più moderni, quello del quartiere di Taling Chan. In questo mercato le specialità sono i crostacei e i frutti di mare; ma è possibile trovare anche frutta, fiori e prodotti di stagione. Qui potrai mangiare sul posto, ma anche fare una passeggiata a piedi lungo il fiume oppure noleggiare una barca per esplorare il canale.

Rattanakosin, la vecchia Bangkok

Tra il fiume Chao Phraya e il centro di Bangkok si estende la Old Bangkok, nota come Rattanakosin: un’area intrisa di storia e cultura. Fondata nel 1782 dal re Rama I, questa zona ospita alcuni dei monumenti più iconici della città, tra cui il Grande Palazzo Reale e il Wat Pho. Qui, si trovano numerosi templi buddisti tradizionali, palazzi storici, musei e monumenti che offrono una preziosa visione della cultura, della storia e della religione thailandesi.

Il Grande palazzo reale, cuore dell’amministrazione reale per oltre 150 anni, è anche la casa del sacro Wat Phra Kaew, che custodisce la celebre statua del Budda di Smeraldo.

Yaowarat, un tuffo nella Cina di Bangkok

Yaowarat Road, la Chinatown di Bangkok, è rinomata per i suoi mercati e i suoi numerosi negozi al dettaglio e all’ingrosso che creano un affascinante labirinto di attività commerciali. Qui i vari mercati della zona si uniscono per formare un unico grande mercato, diventando uno dei luoghi più vivaci e frequentati della città. Circa il 14% degli edifici del quartiere è considerato un punto di riferimento storico: tra questi spicca il rinomato negozio di oro Tang To Gung. Imperdibile, poi, è il Wat Traimit: un tempio buddista che ospita l’antico e sacro Budda d’oro, una maestosa statua in oro massiccio, dal peso di 5,5 tonnellate.

Dusit, il quartiere in stile europeo

Siamo nel centro politico della Thailandia, sede di numerose istituzioni. Qui si trovano palazzi, giardini ben curati e ampi viali alberati. Il Palazzo Dusit, costruito dal re Rama V, ospita la famosa Vimanmek Mansion, la più grande residenza in legno teak al mondo. Nel Wat Intharawihan invece si trova il maestoso Standing Buddha o Big Buddha, una statua alta 32 metri e rivestita con 24mila mosaici dorati provenienti dall’Italia.

Come arrivare e come muoversi a Bangkok

A Bangkok si arriva in aereo: la città è servita dall’aeroporto internazionale Suvarnabhumi, uno dei più grandi e trafficati aeroporti del Sud-est asiatico.

Una volta a terra, le opzioni di mobilità sono svariate. Noi, naturalmente, consigliamo di optare per i servizi più sostenibili, come:

  • La metropolitana MRT: veloce ed efficiente serve 18 stazioni, da da Hua Lamphong a Bang Sue;
  • I bus della BMTA: super economici, operano su oltre 100 percorsi;
  • I tuk tuk: i più popolari mezzi di trasporto per cittadini e turisti, ti faranno vivere appieno l’esperienza like a local, rispettando al contempo l’ambiente.