Nonostante l’attuale scenario di incertezza politica a livello globale, la contrazione dei salari e l’aumento generale del costo della vita, viaggiare resta una priorità per chiunque. Tra i fattori che influenzeranno le scelte dei viaggiatori nel 2024 rientrano il desiderio di recuperare le energie e l’equilibrio individuale o di coppia, fare nuove scoperte, provare nuove emozioni e connettersi maggiormente con la natura. Ma, sopra tutti, anche l’idea eccitante di vivere per qualche giorno la vita di qualcun altro, magari molto al di sopra delle proprie reali possibilità. Ecco quali sono le principali motivazioni che detteranno le tendenze di viaggio nel 2024 secondo i maggiori operatori del settore.

Di recente, Booking.com, Google e Skyscanner hanno commissionato una ricerca sulle tendenze di viaggio che ha coinvolto più di 27mila viaggiatori in 33 Paesi. Sono tante e diverse, rispetto al passato, le motivazioni che spingono i viaggiatori a scegliere una vacanza. Cosa desiderano in primis? Di quali aspetti devono ormai tenere conto le strutture e gli operatori turistici? Ecco cos’è emerso al completamento dello studio.

Il report di Booking sulle tendenze di viaggio nel 2024

Al termine dello studio portato avanti da Booking.com, sono emerse 7 tendenze di viaggio nel 2024:

Impersonare un “alter ego”

Vestire i panni di un’altra persona sarà una tendenza di viaggio molto particolare che interesserà i viaggiatori nel 2024. Cosa significa esattamente? Che turisti e vacanzieri potrebbero desiderare di vivere un’esperienza più intensa durante la vacanza, ricorrendo all’invenzione di un proprio” alter ego”.
Il 30% degli intervistati ha dichiarato, infatti, di aver raccontato storie di fantasia sulla propria vita alle persone incontrate nel corso di un viaggio. Inoltre, la metà di loro ha espresso il desiderio di reinventarsi e di godere dell’anonimato che è possibile ottenere in viaggio, lontano da casa. Più di due terzi degli intervistati (66%), inoltre, si sentono maggiormente in sintonia con il proprio essere durante le vacanze perché possono trascurare tutte le inibizioni, lasciarsi andare e far scaturire nuovi e diversi aspetti della propria indole. E c’è di più: ben oltre la metà dei viaggiatori (65%) afferma di sentirsi “protagonista” durante i propri viaggi perché ha l’opportunità di diventare il personaggio principale della propria vita e di edulcorare, così, la realtà.
In un mondo sempre più digitale, gli alias e gli avatar sono ormai parte integrante della nostra quotidianità, anche per fare viaggi virtuali: la realtà virtuale e la realtà aumentata offrono nel 2024 infinite possibilità di esplorazione e di scoperta, permettendo agli alter ego digitali di viaggiare ovunque e di sperimentare ogni tipo di situazione grazie alla libertà offerta dal Metaverso.

Scoprire le tradizioni culinarie

Grazie alla diffusione – su tutte le piattaforme di intrattenimento – di competizioni culinarie e di format innovativi che portano l’attenzione del pubblico sul mondo della ristorazione, sono aumentati notevolmente gli appassionati della cucina, e non solo di quella tradizionale.
Questi cultori del gusto, anche in vacanza, vorranno avere la possibilità di immergersi completamente nella cultura gastronomica del Paese in cui viaggeranno, oltre che conoscerne la storia. Attualmente, quasi i due terzi degli intervistati (62%) dimostrano un interesse crescente nelle origini dei piatti tipici dei luoghi in cui si recano in vacanza. Questi nuovi turisti della storia culinaria prediligono l’autenticità delle ricette popolari locali, trascurando le tendenze alimentari del futuro: per il 2024, ben il 93% desidererà assaporare le prelibatezze autoctone. Ciò si traduce in un aumento delle esperienze culinarie autentiche, dove ai viaggiatori viene narrato il percorso originario che sta dietro a ogni piatto, riuscendo a diffondere così la cultura culinaria delle comunità locali in tutto il mondo.
I “viaggiatori gourmet” nel 2024 adotteranno un approccio sperimentale, che fonde la realtà digitale con quella fisica, per trasformare ogni scoperta in un’esperienza multisensoriale unica. Il 37% di essi ha espresso, infatti, il desiderio di sperimentare un’esperienza culinaria “phygital” attraverso tecnologie di realtà virtuale o aumentata. Questo comporta l’utilizzo di elementi digitali come illuminazione d’atmosfera, profumi personalizzati e paesaggi sonori sensuali, che intensificano le emozioni e rendono ancora più intensa l’immersione nelle tradizioni gastronomiche.

Scoprire le tradizioni culinarie in viaggio

Ricercare climi più freddi

Nel panorama dell’attuale riscaldamento globale (il 2023 è stato l’anno più caldo di sempre), il nostro Pianeta sta subendo un innalzamento delle temperature senza precedenti, con punte di calore nei mesi estivi che in alcune zone rendono difficile la vita quotidiana all’aria aperta.
Questo clima torrido sta spingendo sempre più viaggiatori a cercare rifugio in destinazioni caratterizzate da climi più temperati, per trovare un po’ di refrigerio. Il 41% di loro afferma che il cambiamento climatico influenzerà le scelte di viaggio nel 2024, mentre oltre la metà (55%) dichiara che, a causa dell’aumento delle temperature nella propria regione, opterà per soggiornare in luoghi più freschi. Una tendenza che si riflette nell’incremento previsto dei viaggi verso mari, laghi o fiumi, dove il calore è più tollerabile. Il 75% degli intervistati concorda sul fatto che la vicinanza all’acqua favorisca il rilassamento, e il 29% è interessato a trascorrere le vacanze del 2024 in prossimità di specchi d’acqua. Questo nuovo approccio al viaggio, totalmente orientato al benessere, darà vita a esperienze popolari come lo yoga galleggiante, i bagni sonori in acqua e la meditazione sulla neve.
Inoltre, si prevede un notevole aumento di strutture che propongono la terapia del ghiaccio, di hotel costruiti sotto il mare e della mermania (abbreviazione di “mermaid mania”, la passione per la Sirenetta), dove l’acqua non sarà solo la cornice della vacanza, ma ne diventerà il primo obiettivo.

Voilà, il lusso è servito

Nel 2024 i viaggiatori adotteranno strategie intelligenti per risparmiare e poter vivere, ogni tanto, una breve esperienza di lusso. Questo tipo di vacanzieri desidera dare, per una volta, un’immagine più patinata e spensierata di sé, senza far trasparire gli eventuali sacrifici finanziari sostenuti.
Nella realtà, invece, questa percentuale tiene sotto controllo ogni singola spesa e organizza itinerari convenienti, spesso grazie al supporto dell’intelligenza artificiale.
Inoltre, nel 2024 la metà dei viaggiatori italiani prevede di scegliere destinazioni in cui il costo della vita è inferiore rispetto a quello della propria città, mentre per il 30% la scelta di location più vicine rappresenta una comoda opportunità per trascorrere vacanze di lusso a prezzi convenienti. Una notevole percentuale di viaggiatori (41%), infine, è disposta a investire in pacchetti di servizi giornalieri per usufruire di comfort e dei servizi di un hotel a cinque stelle senza soggiornarvi.

Viaggi a sorpresa

Sempre più viaggiatori desiderano essere sorpresi durante le loro vacanze, cercando territori inesplorati e avventurosi. Il 42% dei viaggiatori italiani si mostra propenso a prenotare un viaggio a sorpresa, in cui ogni dettaglio, compresa la destinazione, rimane sconosciuto fino all’arrivo.
Questi tipi di viaggi nel 2024 saranno i prescelti dai viaggiatori audaci, stanchi della routine quotidiana e desiderosi di provare il brivido dell’avventura. Il 47% di essi predilige destinazioni al di fuori dei circuiti turistici più frequentati, mentre il 36% è interessato a viaggiare in compagnia di persone sconosciute per poter condividere l’esperienza.
Piuttosto che pianificare ogni dettaglio, quindi, questa categoria di viaggiatori opta per l’imprevisto, cercando incontri casuali ed emozioni inaspettate. La maggioranza di essi (60%) nel 2024 desidera viaggiare evitando di programmare ogni dettaglio con largo anticipo, in modo da godere di maggiore flessibilità; più di due terzi (61%) preferisce viaggiare senza vincoli rigidi, per avere la possibilità di cambiare meta anche all’ultimo minuto, in base all’ispirazione del momento. Anche qui, è centrale il ruolo dell’intelligenza artificiale: il 41% degli intervistati ha dichiarato che vorrebbe affidarsi all’AI per la pianificazione del proprio viaggio.

Concentrarsi su se stessi

A causa dei ritmi di vita sempre più frenetici, sono tante le persone che cercano viaggi focalizzati sulla cura di sé, per riequilibrare mente e corpo e riscoprire lo stile di vita che più desiderano per se stesse.
Un esempio significativo è rappresentato dal crescente fenomeno dello sleep tourism, il turismo del sonno, ideato per chi desidera viaggiare esclusivamente con l’obiettivo di godere di una notte di sonno ristoratore.
Il 32% delle persone che solitamente dormono da sole aspira a una vacanza romantica per scoprire un nuovo amore, mentre quasi un terzo (29%) opterebbe per una vacanza mirata a dimenticare un ex partner. Il 18% che vive già una relazione di coppia, invece, desidera approfondire la connessione con il proprio partner attraverso viaggi condivisi. Anche un considerevole numero di genitori, sempre più stanchi dalle incombenze quotidiane, sogna una vacanza solitaria per ritrovare il proprio equilibrio: si stima che nel 2024, il 43% di loro pianificherà le vacanze senza figli o partner, con l’esclusivo obiettivo di recuperare le proprie energie.
Il richiamo alla natura, per finire, è un altro fattore da tenere in considerazione tra le tendenze di viaggio del 2024: allo scopo di rinsaldare i legami con Madre Natura e introdurre nuove e sane abitudini nella propria quotidianità, il 37% dei viaggiatori italiani trova affascinante l’idea di sperimentare lo stile di vita semplice e benefico delle comunità agricole locali.

Apprezzare la bellezza in modo consapevole

Nel 2024 le scelte di viaggio saranno più scelte più consapevoli e responsabili, non solo durante le vacanze, ma anche a casa come parte integrante del proprio stile di vita. Attualmente, un crescente numero di strutture ricettive sta proponendo soluzioni creative ed esteticamente piacevoli per affrontare le principali sfide ambientali e sociali, dando la possibilità ai viaggiatori di scegliere hotel e strutture di accoglienza che uniscono il comfort e il design con la sostenibilità ambientale.
Quasi la metà dei viaggiatori intervistati (46%) si è dichiarato propenso a scegliere per la propria vacanza una struttura di tale genere, mentre il 62% attribuisce un grande valore alla presenza di piante e spazi verdi negli alloggi per le vacanze. Molti di loro sono anche interessati a utilizzare app di viaggio sostenibili, tramite le quali possono vivere esperienze autentiche come accedere a comunità in luoghi poco conosciuti (40%) o visitare destinazioni remote in cui i turisti hanno solitamente un accesso limitato (47%).

Nuovi trend di viaggio del 2024 secondo Skyscanner e Google

Oltre a Booking.com, che abbiamo appena visto, anche Skyscanner e Google mettono in luce i desideri e le motivazioni che spingeranno gli italiani a viaggiare nel 2024. Ecco quali sono le altre possibili tendenze che andranno ad aggiungersi alle 7 appena elencate.

Preferenza per viaggi culturali e cineturismo

Secondo lo studio di Skyscanner, in cima alla classifica dei trend di viaggio del 2024 svettano i viaggi culturali e il desiderio di vivere emozioni e nuove esperienze. In particolare, cresce il cineturismo: le location dei set di film o serie TV sono molto ricercate dai turisti appassionati del genere.
Un viaggiatore italiano su 4 si ispira ai luoghi in cui sono stati girati film o serie TV per scegliere la meta del proprio viaggio, e ben il 61% vorrebbe visitare una destinazione resa popolare dalle produzioni cinematografiche per sentirsi più vicino al proprio eroe o alla propria eroina.
Un esempio di questo cambio di tendenza può essere rappresentato dal film 007 – No time to die di James Bond: il film è stato girato nell’incantevole cornice dei Sassi di Matera e ogni anno, dal 2021, richiama orde di turisti che vogliono ripercorrere a Matera le scene più esilaranti del film.

La spinta dei concerti

Ma a far viaggiare gli italiani è anche l’emozione di vivere uno spettacolo live, ancora di più nel 2024: il 46% degli intervistati prenderebbe un volo a corto raggio per vedere il proprio artista preferito dal vivo, mentre il 15% volerebbe addirittura dall’altra parte del mondo. Il 26% ha dichiarato, inoltre, di voler assistere a un concerto, a un’esibizione o a un festival musicale in Italia (e la percentuale sale al 38% se si considerano anche i giovani tra i 18 e i 24 anni).
Lo studio rivela anche la classifica delle città che offrono il maggior numero di concerti a meno di 25 euro in cui potersi recare nel 2024, per vivere l’emozione dei live: in cima alla classifica troviamo Leeds, nel Regno Unito, seguita da Bordeaux, Roma, Milano, Parigi e Londra.

Viaggiare fuori stagione

Le abitudini di viaggio dei consumatori cambiano: lentamente si prediligono i viaggi fuori stagione. Google ha rivelato che la ricerca delle parole chiave “dove andare” si sta distaccando rispetto ai tradizionali termini “estate” o “inverno”, per avvicinarsi sempre più a parole chiave meno circoscritte nel tempo.
A settembre 2023, per esempio, si è registrato un aumento dell’interesse di ricerca per le query “last minute” del 45% e “al sole” dell’85% rispetto allo stesso mese del 2022.
Questi dati rilevano la tendenza a viaggiare anche in periodi meno tradizionali, come il mese di settembre (solitamente dedicato al ritorno a scuola o al lavoro), oggi considerato più appetibile, non solo dal punto di vista economico, ma anche per ragioni climatiche: i cambiamenti climatici, infatti, stanno avendo un notevole impatto sul turismo, condizionando le abitudini di viaggio e di vacanza.

Trovare mete alternative

Nonostante l’incertezza economica e politica globale, secondo l’analisi di Google gli italiani continueranno a viaggiare. E non lo faranno solo all’interno del Paese: la domanda da gennaio ad agosto 2023 è, infatti, aumentata del 10% verso l’Italia e del 30% verso gli altri Paesi rispetto al 2022.
Questo studio ci conferma l’interesse dei viaggiatori italiani verso mete alternative alle destinazioni più ricercate (interesse che emerge anche nella classifica di Skyscanner): tra le città più popolari durante l’estate – oltre alle classiche Parigi, Londra, Barcellona e New York – compare infatti Tirana, la capitale della bellissima Albania.
Secondo l’analisi di Google, cresce anche l’interesse per Madrid e Lisbona. Riacquista, inoltre, popolarità una location molto gettonata tra viaggi degli italiani negli anni ’90 e 2000: Sharm El-Sheikh, che è ormai entrata nella top 10 delle destinazioni più richieste, sostituendosi a Dubai.