Un treno arcobaleno per far viaggiare sempre più veloci i diritti e l’uguaglianza. È questo il significato del “treno dell’inclusività” entrato in servizio sulla metro A di Roma in occasione del Pride del 15 giugnoprossimo.

ATAC, l’azienda che gestisce la rete dei trasporti pubblici della Capitale (metro, tram, bus urbani), ha realizzato in collaborazione con Kirweb una speciale livrea, sia interna che esterna, per uno dei convogli della linea. Il treno arcobaleno mostrerà questo allestimento per tutta l’estate 2024.

La finalità è celebrare, come già fatto anche in svariate occasioni, l’inclusione e il rispetto dei diritti di ogni persona. Valori simboleggiati dalla bandiera “Pride Progress”. Oltre ai classici sette colori dell’iride, infatti, sono presenti anche il bianco, rosa e celeste della bandiera transgender e il marrone e nero delle comunità di colore LGBTQ+.

Il Pride Month e la bandiera arcobaleno

Giugno è il Pride Month, il mese dedicato alla celebrazione dell’orgoglio LGBTQ+. In tutto il mondo le comunità che si riconoscono nei vari orientamenti gender organizzano e prendono parte a eventi e manifestazioni per sostenere e celebrare l’equità dei diritti e l’abbattimento di ogni discriminazione.

Le origini risalgono alla rivolta dello Stonewall Inn a New York. Nella notte tra il 27 e il 28 giugno 1969 la locale comunità omosessuale e transgender, che si ritrovava in quel locale, si oppose alle ripetute aggressioni delle forze dell’ordine. I cosiddetti “moti di Stonewall” sono diventati il simbolo della resistenza LGBTQ+ contro ogni forma di sopruso e di emarginazione. E giugno è il mese dedicato alla rivendicazione dei propri diritti. Un’occasione per manifestare pacificamente contro la violenza di matrice omo-lesbo-bi-transfobica.

La bandiera arcobaleno è in uso invece dal 1978 ed è nata a San Francisco. La realizzò Gilbert Baker, veterano dell’esercito e attivista gay, su commissione dello storico militante Harvey Milk. Baker si ispirò ai colori accesi utilizzati dagli omosessuali per riconoscersi a vicenda e alla nota canzone Over The Rainbow. Con una differenza: i colori sono sei e non sette, dal momento che manca l’indaco.

Il treno arcobaleno di Roma: un tributo al Pride

Il treno arcobaleno della metro A di Roma rende così omaggio al Pride 2024, in programma sabato 15 giugno. Il corteo partirà alle ore 14.00 da Piazza della Repubblica per concludersi in Viale delle Terme di Caracalla. La durata prevista dell’evento è fino alle ore 20.00.

Le vie interessate dal corteo sono Via Luigi Einaudi, Piazza dei Cinquecento, Via Cavour, Piazza dell’Esquilino, Via Liberiana, Piazza Santa Maria Maggiore, Via Merulana, Via Labicana, Piazza del Colosseo, Via Celio Vibenna, Via di San Gregorio, Piazza di Porta Capena.

Come muoversi a Roma sabato 15 giugno

Dal momento che per il Pride ci saranno temporanee chiusure e deviazioni del traffico lungo l’itinerario del corteo, è sconsigliato recarsi al centro di Roma con la propria auto. Saranno istituiti anche divieti di sosta nei punti di partenza e arrivo, ma anche su Via Enrico De Nicola (nel tratto da Via Solferino a Via Luigi Einaudi), in Via Liberiana e in Via delle Terme di Diocleziano.

Inoltre è necessario informarsi attraverso i canali ufficiali di ATAC e Roma Mobilità sulle momentanee modifiche delle linee del trasporto pubblico di superficie nelle zone interessate dalla manifestazione.

Quindi, per spostarsi in questa giornata è particolarmente indicata la metro- oltre ai servizi di micromobilità elettrica in sharing– laddove è possibile risparmiare tempo grazie alla possibilità di acquistare i biglietti in anticipo in modalità digitale. Sarà così possibile riuscire a salire sul proprio il treno arcobaleno, per sentirsi un po’ parte del grande viaggio verso l’inclusività e l’uguaglianza dei diritti.