Il mercato delle auto elettriche  continua a crescere in Europa. Tuttavia, la preoccupazione per la disponibilità di colonnine di ricarica lungo il tragitto rende l’idea di un viaggio in auto elettrica fonte di preoccupazione per molti. Scopri le destinazioni europee più consigliate per goderti la tua vacanza senza problemi.

Nel 2023 il Parlamento Europeo ha approvato una legge che impone lo stop alle auto a diesel e benzina dal 2035, segnando un passo importante verso la progressiva eliminazione dei veicoli alimentati dai combustibili fossili. Nonostante alcune resistenze, l’interesse per la mobilità elettrica è in aumento. Anche in Italia si osserva una lenta ma costante crescita in tal senso. Un fattore che colloca il nostro Paese tra quelli più avanzati nel settore della mobilità elettrica.

Per contrastare lo scetticismo sui veicoli elettrici, è fondamentale disporre di infrastrutture adeguate. Occorre, in primis, aumentare il numero di colonnine di ricarica. La Commissione Europea mira a posizionare una stazione di ricarica ogni 60 km sulle principali strade dell’Unione Europea entro il 2026. Attualmente la rete è più sviluppata nei territori dell’Europa Centrale rispetto a quelli del Sud e dell’Est Europa, come evidenziato da uno studio dell’ADAC (Automobil Club tedesco).

Vediamo a che punto siamo.

La classifica Adac sulle colonnine di ricarica in Europa

Quali sono i Pesi europei più virtuosi sull’installazione di colonnine di ricarica elettrica? Ecco la classifica stilata dall’Adac:

  • Paesi Bassi: 84,4 punti di ricarica ogni 100 km di rete stradale;
  • Lussemburgo: 53,8 punti di ricarica ogni 100 km di rete stradale;
  • Svizzera: 51,4 punti di ricarica ogni 100 km di rete stradale;
  • Austria: 37,1 punti di ricarica ogni 100 km di rete stradale;
  • Danimarca: 23,1 punti di ricarica ogni 100 km di rete stradale;
  • Norvegia: 13,4 punti di ricarica ogni 100 km di rete stradale;
  • Belgio: 8,9 punti di ricarica ogni 100 km di rete stradale;
  • Francia: 7,1 punti di ricarica ogni 100 km di rete stradale;
  • Svezia: 6,5 punti di ricarica ogni 100 km di rete stradale;
  • Italia: 5,1 punti di ricarica ogni 100 km;
  • Croazia: 4,4 punti di ricarica ogni 100 km di rete stradale;
  • Slovacchia: 3,9 punti di ricarica ogni 100 km di rete stradale;
  • Ungheria: 2,9 punti di ricarica ogni 100 km di rete stradale;
  • Repubblica Ceca: 1,6 punti di ricarica ogni 100 km di rete stradale;
  • Spagna: 1 punto di ricarica ogni 100 km di rete stradale;
  • Polonia: 0,9 punti di ricarica ogni 100 km di rete stradale;
  • Portogallo: 0,3 punti di ricarica ogni 100 km di rete stradale.

Viaggio in auto elettrica: quali sono le mete migliori?

L’arrivo della primavera fa crescere la voglia di viaggiare. Quando si viaggia con un’auto elettrica, però, è importante pianificare l’itinerario, facendo attenzione all’autonomia reale della propria auto e ai punti di ricarica disponibili lungo il tragitto.

Se per il proprio viaggio di primavera si è scelta una destinazione lontana, è possibile prenotare in app un volo per la meta scelta e noleggiare un’auto elettrica direttamente in loco. Se invece si ha in programma un vero e proprio viaggio on the road, raccomandiamo di fare attenzione a quei Paesi europei in cui è obbligatoria la vignetta autostradale, che è possibile pagare in app evitando soste e code.

Scopriamo ora quali sono le migliori destinazioni per un viaggio in auto “green” e una vacanza sostenibile a emissioni ridotte.

Paesi Bassi

Oltre a un gran numero di biciclette, i Paesi Bassi vantano anche la rete di stazioni di ricarica pubbliche più avanzata d’Europa, con poco più di 84 punti di ricarica ogni 100 chilometri di strada.

La maggior parte di queste si possono trovare sulle strade principali e, soprattutto, nelle città più importanti del Paese come Utrecht, Harleem e Amsterdam, che non a caso è una delle principali smart cities al mondo.

Austria

In Austria trovare stazioni di ricarica pubbliche è piuttosto semplice: se ne trovano 37 ogni 100 chilometri percorsi. A sorpresa, in molti parcheggi dei supermercati si può ricaricare l’auto gratuitamente.

Se si viaggia con il proprio mezzo alla volta di Vienna, bisogna però ricordarsi di dotarsi dell’apposita vignetta. Spostarsi senza questo documento comporta il rischio di multe piuttosto salate.

Svizzera

Anche la Svizzera si rivela uno dei migliori Paesi per un viaggio in auto elettrica. Ci sono in media 51 stazioni di ricarica ogni 100 km di strada, con la possibilità di ricaricare gratuitamente il veicolo nei parcheggi di molti supermercati. La rete è ben sviluppata, soprattutto lungo le vie principali e intorno alle grandi città.

In particolare, il cantone di Berna offre il maggior numero di punti di ricarica. Anche qui, ricordiamo di dotarsi di vignetta per potersi spostare in auto senza problemi.

Danimarca

La Danimarca presenta circa 23 stazioni di ricarica per ogni 100 km di rete stradale, con una copertura particolarmente buona vicino Copenaghen.

Al contrario, le aree occidentali e settentrionali del Paese mostrano una densità inferiore di punti di ricarica. Tuttavia, la rete è adeguatamente sviluppata anche lungo il percorso orientale della penisola dello Jutland.