Colori che oscillano dall’arancio, bruciato dal Sole, al verde smeraldo: la Valle di Viñales- conosciuta anche col nome esoterico di “Valle del Silenzio”- colpisce i viaggiatori per la sua atmosfera magica. Lontani dai clamori e dalla vita mondana tipici de L’Avana, questo angolo nascosto di Cuba è ricco di itinerari naturalistici e biodiversità. Un vero e proprio paradiso per gli amanti del turismo esperienziale.

Situata nella zona più occidentale della Repubblica di Cuba, più precisamente nella provincia di Pinar del Rio, la Valle di Viñales si estende per ben 132 Km². Dal 1985 è uno dei beni protetti dall’UNESCO,ed è davvero la meta ideale per chi sogna di esplorare l’incontaminato.

Valle di Viñales: un viaggio nella natura incontaminata

Considerata come uno dei gioielli dell’Arcipelago caraibico, la Valle di Viñales è caratterizzata da un paesaggio dominato dalla natura selvaggia. Circondata da colline maestose, chiamate mogotes, è una meta ideale per chi ama fare trekking. Utilizzando una delle app per le escursioni disponibili, è possibile scegliere l’itinerario più adatto alle proprie esigenze.

Le escursioni a cavallo sono tra le attività preferite dai viaggiatori internazionali che hanno già avuto l’opportunità di visitare questo angolo nascosto di Cuba.  Con un costo medio di 35 euro e una durata complessiva di 4 ore, i turisti possono godere del paesaggio della “Valle del Silenzio” avvalendosi anche di una guida in italiano. Questo tour all’insegna del turismo sostenibile si conclude con la visita a una delle fabbriche di tabacco tipiche del luogo.

La Valle di Viñales, infatti, è rinomata per le sue estese piantagioni di tabacco, che rappresentano anche una delle principali risorse economiche di Cuba: basti pensare da dove provengono i sigari più famosi al mondo. Il “Tour del tabacco” attraversa le distese coltivate dai contadini e offre una visita guidata completa a tutte le fasi della sua lavorazione. Al costo medio di 15 euro, questo viaggio sui generis si conclude con un buon sigaro accompagnato da una tazza di caffè.

Infine, chi preferisce un viaggio d’avventura può visitare le grotte che caratterizzano l’intera Valle. Tra le più celebri spiccano la Cueva del Indio e la Gran Caverna de Santo Tomàs che, con i suoi 46 Km, resta la più grande di Cuba. Visitabile solo con una guida locale al costo di 55 euro, al suo interno- grazie alla presenza delle falde acquifere- si possono ammirare fiumi sotterranei e splendide stalagmiti e stalattiti. È anche la dimora di svariate colonie di pipistrelli che, come si sa, amano stare appesi al buio.

“Murales della Preistoria”: un pezzo d’arte incastonato nel verde

Probabilmente l’attrazione più famosa della Valle di Viñales è il “Murales della Preistoria”, un vero e proprio affresco a cielo aperto alto la bellezza di 80 metri e lungo 120. Dipinto sul costone roccioso del Mogote Dos Hermanas presenta svariate figure dai colori sgargianti: dinosauri, molluschi, conchiglie, ma anche persone e animali. Rappresenta il processo evolutivo degli esseri viventi presenti sul pianeta.

Realizzato nel 1961 e attribuito all’artista cubano Leovigilgo Gonzales- allievo di Diego Riviera, marito della famosissima Frida Kahlo– si dice sia stato affrescato dai contadini locali, che avrebbero lavorato all’opera per ben cinque anni.

Situata a pochissima distanza dall’omonimo borgo della Valle di Viñales, si può raggiungere anche in bicicletta.

Come raggiungere la Valle di Viñales

La soluzione più semplice e agevole per raggiungere la Valle di Viñales partendo dall’Italia è sicuramente l’aereo. Prenotando in app il proprio volo, si può viaggiare comodamente fino all’aeroporto internazionale “José Martí” de L’Avana, lo scalo più prossimo a questa destinazione.

Dalla capitale, con i bus della Viazul è possibile raggiungere la Valle al costo di poco più di 10 euro. In alternativa, è possibile utilizzare i famosissimi taxi collectivos: un modo sicuramente divertente e inusuale per viaggiare in compagnia.