Ami l’escursionismo, la montagna e la natura incontaminata? Allora preparati a partire per un viaggio in Piemonte, alla scoperta della Cima delle Lose!

Il Piemonte è una regione ricca di attrazioni naturali e culturali. Dall’offerta museale della città di Torino – in cui spicca il famoso museo Egizio – ai meravigliosi borghi meno battuti dal turismo di massa. Inoltre, grazie alla sua posizione geografica, sono numerosi i percorsi di trekking in montagna. Tra questi, non possiamo dimenticare quelli che portano alla maestosa Cima delle Lose, una montagna delle Alpi Marittime, alta quasi 3.000 metri. Se hai in mente un viaggio in Piemonte e vuoi avventurarti sulla Cima delle Lose, in questo articolo ti diamo qualche consiglio su come muoverti.

Viaggio in Piemonte attraverso la Cima delle Lose

Un viaggio in Piemonte non può dirsi completo senza un’escursione alla Cima delle Lose: situata nel comune di Argentera, nella provincia di Cuneo, si distingue per i suoi pendii pietrosi e le sue multiple sommità, offrendo vedute spettacolari. Il nome Lose deriva dall’occitano e significa lastra di pietra, un elemento caratteristico del paesaggio montano. La Cima delle Lose è una classica meta cuneese degli amanti dello sci, molto frequentata in inverno, ma meno in estate. Il che la rende perfetta per una vacanza estiva immersa nella natura e lontana dalle folle. È un’esperienza di viaggio che ti permetterà di immergerti completamente in un paesaggio selvaggio e affascinante, dove ogni passo regala nuove prospettive ed emozioni.

Cima delle Lose: l’itinerario ideale

Per raggiungere il punto di partenza dell’escursione si deve prima arrivare a Cuneo, che è il centro principale più vicino. Se arrivi in aereo puoi atterrare all’aeroporto di Cuneo-Levaldigi, che dista circa 20 chilometri dal centro città. Per prenotare il volo più economico, consigliamo di scaricare un’app che ti aiuti a trovare la soluzione più adatta a te, in modo semplice e veloce.
Da Cuneo puoi noleggiare un’auto e seguire le indicazioni per la Valle Stura di Demonte. Da qui, ti basterà percorrere tutta la Valle Stura fino al centro del comune di Bersezio, per poi dirigerti verso Ferrere.
L’itinerario classico parte proprio da qui, da Ferrere di Bersezio. Dopo aver lasciato la macchina nel parcheggio sterrato, che si trova davanti al sentiero, puoi cominciare a incamminarti.
Imbocca il sentiero che conduce alla Bassa di Colombart, per poi risalire in cresta, fino a raggiungere il punto più basso tra le montagne, vicino alla base della cima. Dall’avvallamento alla base della vetta, attraversa la strada lateralmente verso un punto basso, chiamato colletto. Risali su un sentiero ripido fino a raggiungere l’anticima, una cima secondaria, che si trova a un’altitudine di 2.800 metri. Dall’anticima, procedi lateralmente sotto la cima principale della montagna, per poi raggiungere la base della vetta più alta.

Consigli per il viaggio

Per un viaggio in Piemonte alla scoperta della Cima delle Lose, è consigliabile partire presto per godere appieno della tranquillità e della bellezza dei luoghi. Verifica sempre le condizioni meteo, soprattutto se parti in inverno, poiché la nebbia o la neve possono rendere difficoltoso l’orientamento.
La Cima delle Lose non è una passeggiata, ma un percorso abbastanza difficile, dedicato quindi a chi è più esperto. Se preferisci qualcosa di più semplice, la Bassa di Colombart rappresenta un’ottima alternativa, con panorami altrettanto spettacolari.
Ricorda di equipaggiarti con abbigliamento adatto e scorte di acqua e cibo e non dimenticare la macchina fotografica per immortalare i meravigliosi paesaggi da cartolina.