Organizzare un viaggio on the road in pieno inverno può sembrare una scelta audace, ma in realtà è un’esperienza unica che può regalare momenti indimenticabili. La stagione fredda è spesso associata alle festività natalizie e a calde coperte sotto cui rifugiarsi per leggere quel libro che non si è mai trovato il tempo di iniziare. L’anima di un viaggiatore però è sempre in fermento e la voglia di esplorare nuovi orizzonti, che rompano gli schemi, non teme certo le basse temperature. Se anche tu sei un’anima avventurosa, sempre alla ricerca di nuove mete da esplorare, nella nostra guida trovi idee e ispirazioni per cinque viaggi che ti faranno battere il cuore.

Quali destinazioni scegliere per un viaggio on the road in inverno?

Su quattro stagioni sono tre quelle che si prestano maggiormente ad un viaggio on the road. L’estate, con le sue giornate lunghe e soleggiate, la primavera, quando la natura si risveglia dal lungo sonno e mostra i suoi colori più belli, e l’autunno, con i paesaggi resi ancora più suggestivi dalle sfumature di rosso e oro del foliage che regalano un tocco di poesia al viaggio

Se è vero che logisticamente sono questi i momenti dell’anno più adatti per un viaggio all’insegna di libertà e avventura, è altrettanto vero che l’inverno offre scenari mozzafiato che meritano di essere vissuti e ti permettono di scoprire luoghi in modo diverso.

Un viaggio on the road invernale è una splendida opportunità per ammirare paesaggi innevati e immergersi in atmosfere fiabesche, che lo rendono ancora più suggestivo e godere di una maggiore autenticità e di un rapporto più diretto con la natura.

Meno auto sulle strade, sentieri escursionistici e i parchi naturali quasi del tutto liberi dal turismo di massa, maggiore facilità nel prenotare un alloggio e tariffe più basse, sono solo alcuni dei vantaggi di un viaggio on the road da fare in inverno, ma non bisogna dimenticare che un’adeguata pianificazione è fondamentale per godere appieno di questa esperienza.

A questo punto ti starai chiedendo quali destinazioni sono le più indicate per un viaggio on the road in Europa e in Italia durante i mesi più freddi dell’anno. Nella nostra guida ti proponiamo cinque idee che sicuramente ti ispireranno e ti faranno desiderare di partire immediatamente.

Costa Azzurra, alla scoperta dell’entroterra

Costa Azzurra, alla scoperta dell'entroterra

A due passi dall’Italia, la Costa Azzurra è una delle mete preferite dai turisti per una vacanza al mare all’insegna del relax e del divertimento. Vivace e moderna, ricca di eventi che si svolgono lungo tutto il corso dell’anno, regno indiscusso dello shopping e del divertimento notturno, la Costa Azzurra è anche l’ideale per un viaggio on the road invernale tra le sue meraviglie naturali e le città dell’entroterra, che spesso vengono trascurate dai tradizionali itinerari turistici.
Ad esempio, il lago artificiale Lac de l’Aréna – situato a più o meno 70 km da Vence e raggiungibile con l’autostrada A8 – è un luogo molto suggestivo e dall’atmosfera incantata, dove le rosse rocce del massiccio Rocher de Roquebrune creano un contrasto stupefacente con il blu dell’acqua. E se ami il trekking e le bellezze della natura, non puoi perderti Gorges du Loup, a circa 45 minuti da Antibes, con un sentiero che segue il corso del fiume Loup e dal quale potrai godere una vista mozzafiato sui canyon e le insenature scavate dal fiume negli anni. Lungo il percorso (di circa 4 km) potrai ammirare alcune cascate, tra cui la Cascade de Courmes e quelle di Saut du Loup.
Un altro gioiello dell’entroterra della Costa Azzurra sono i villages perchés, luoghi caratteristici della Provenza, abbarbicati su un costone di roccia e di origine medievale, che ancora oggi conservano intatto il fascino di un tempo e sono considerati dei veri e propri gioielli architettonici. Tra i più belli, da visitare assolutamente consigliamo Tourrettes-sur-Loup, a poca distanza da Nizza, che deve la sua fama alla violetta, coltura principale del territorio a partire dagli anni Ottanta del XIX secolo; Gourdon (nella foto), da cui si gode di una magnifica vista panoramica sulla costa mediterranea; Peille, dominato dalle ripide scogliere del Mont Baudon con vista panoramica sulla baia di Nizza; Vence, con il Musée de Vence-Fondation Emile Hugues che presenta opere di artisti che qui hanno vissuto o soggiornato, tra cui Matisse.

Alsazia, lungo la Strada dei Vini

Alsazia, lungo la Strada dei Vini

Situata sul confine orientale francese, sulla sponda occidentale del Reno a ridosso di Germania e della Svizzera, l’Alsazia è una regione culturale della Francia orientale, famosa per le sue piazze medievali, i pittoreschi villaggi, i castelli che sembrano usciti dalle fiabe e la mitica Strada dei Vini, culla di sette vitigni e di vigneti di grande pregio da cui si ricavano vini di qualità notevole, tra i più ricercati al mondo, che si distinguono per la freschezza e gli aromi variegati, ma anche per il loro inconfondibile profumo e i nomi che evocano una storia antica e piena di fascino. In questa zona si coltivano quasi esclusivamente uve a bacca bianca, in particolare il Gewürztraminer, il Riesling e il Moscato Bianco.
Tra le tappe imperdibili di un viaggio on the road in questo angolo di Francia c’è sicuramente la città di Strasburgo, con il meraviglioso centro storico, noto con il nome di Grande Île, dal 1998 nell’elenco dei Patrimoni dell’Umanità Unesco, che da solo vale il viaggio.
Goditi una tranquilla passeggiata lungo le rive del fiume Ill e nelle strette vie acciottolate della Petite France, il quartiere più affascinante della città, e visita la Cattedrale di Nostra Signora di Strasburgo che con un’altezza di 142 metri spicca nello skyline della città. Meraviglioso esempio di costruzione in pietra arenaria, considerata una delle più belle cattedrali gotiche dell’Europa del Nord e per molto tempo usata come parametro di riferimento per gli edifici più alti del mondo, la cattedrale è stata descritta dallo scrittore francese Victor Hugo come «un prodigio di grandezza e leggiadria».
Dopo aver visitato lo splendido interno, raccogli la sfida è affronta i 332 gradini che conducono alla terrazza dell’edificio per apprezzare un panorama incredibile che si gode dalla cima e ti ripagherà di tutta la fatica. Ricordati anche di curiosate tra i negozi di Rue des Orfèvres e di sorseggiate un drink in Rue des Tonneliers per immergerti completamente nell’atmosfera che pervade la città durante i mesi invernali.
Altri luoghi imperdibili che ti consigliamo di visitare in Alsazia sono Colmar (nella foto), che sorge ai piedi del massiccio dei Vosgi, situata proprio nel cuore della Strada del Vino dell’Alsazia, con le affascinati case a graticcio, i romantici canali, i davanzali fioriti e il labirinto di stradine acciottolate, e la vivace Mulhouse, soprannominata la “città dei musei”, una delle destinazioni più baby friendly d’Europa.

Romania insolita, tra mistero e castelli

Romania insolita, tra mistero e castelli

Un viaggio in Romania è il modo migliore per scoprire uno dei Paesi più sottovalutati d’Europa, dove troverai siti dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, magnifici castelli, antiche chiese e città dalla storia millenaria, dove miti, leggende e tradizioni resistono ancora al tempo, mescolandosi con moderne attrazioni, scene artistiche vibranti e un’offerta culturale ricca e diversificata.
Un viaggio on the road in Romania non si limita ad essere uno spostamento da una meta all’altra, ma è un’esperienza di scoperta che ti permetterà di godere appieno del viaggio, tra splendidi paesaggi, fortezze difficilmente raggiungibili con i mezzi pubblici, le lunghe strade che costeggiano le belle e maestose montagne rumene e la neve a rendere tutto ancora più magico.
La Romania è un Paese piuttosto vasto e c’è davvero tanto da vedere: dal Delta del Danubio al Mar Nero, ma in inverno è meglio concentrarsi su una zona ben precisa, quella della Transilvania, dove si trovano alcuni dei castelli più spettacolari d’Europa e città dall’atmosfera misteriosa, come Brasov, con le sue tante case colorate, i punti panoramici che offrono una vista mozzafiato sulla città e la vicinanza ad una delle attrazioni più popolari della Romania, ossia il Castello di Bran, in stile medievale gotico, legato alla leggenda di Dracula, e oggi sede del museo dedicato alla storia della Transilvania e alle collezioni della famiglia reale.
Ti consigliamo di visitare anche la città di Sighisoara (nella foto), situata sul fiume Tarnava Grande, che nell’est Europa è una delle poche città fortificate ancora abitate e presenta un centro storico perfettamente conservato, con la struttura urbanistica e gli edifici caratteristici di una cittadella medievale, che è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità Unesco, e il gotico Castello di Corvino, sulla collina di San Pietro, che sembra uscito da un libro di fiabe e ti farà sentire come se fossi finito in uno dei film di Harry Potter.
Altre città che meritano un posto nel tuo itinerario di viaggio sono sicuramente: Sibiu, suddivisa in due parti con la Città bassa (Orașul de jos) che ospita la più antica chiesa del municipio e la Città alta (Orașul de sus) che costituisce il centro storico; Timișoara, città che detiene il primato di città con il più ampio numero di edifici storici della Romania, e naturalmente Bucarest, soprannominata Parigi dell’est, l’affascinante capitale, troppo spesso sottovalutata, che offre una perfetta miscela di di storia, cultura, architettura e divertimento.

Malta e le sue antiche città

Malta e le sue antiche città

Basta pronunciare il suo nome per immaginare spiagge di sabbia bianca e acque cristalline, sole caldo sulla pelle e un’estate tutta da vivere. Eppure Malta non è solo questo. L’isola nel cuore del Mediterraneo è ricca di storia, cultura e paesaggi che ne fanno non solo una località turistica perfetta per vacanze estive da sogno, ma anche una destinazione ideale per un viaggio on the road invernale da ricordare.
Tanto per cominciare, a Malta si trovano ben tre siti dichiarati dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità: la capitale La Valletta, l’Ipogeo di Ħal-Saflieni e i templi megalitici. Inoltre, è davvero difficile restare indifferenti davanti agli edifici che costituiscono il patrimonio architettonico dell’isola che nel corso della storia ha subito influenze europee, arabe e nordafricane che hanno creato una miscela di stili unica al mondo.
Ma tra le attrazioni più imperdibili di questo piccolo Stato insulare dell’Europa meridionale ci sono sicuramente le antiche città che conservano storie e misteri di un passato che ha forgiato l’identità del paese. Oltre alla già citata capitale La Valletta – alla quale abbiamo dedicato una guida per aiutarti a pianificare il tuo viaggio – ti consigliamo di includere nella tua lista dei luoghi che devi assolutamente visitare anche Mdina (nella foto), città fortificata che ha rivestito una grande importanza per le isole di Malta fin dalla sua fondazione. Le origini della città risalgono all’Età del Bronzo, quando fu fondata per la prima volta nell’VIII secolo a.C. dai Fenici, che la chiamarono Maleth. Molti secoli dopo, nel 218 a.C., la città passò alla Repubblica Romana che la ribattezzò Melite. Poco dopo, la città passò ai Bizantini, che ne ridussero le dimensioni, e poi agli Arabi, a cui si deve il nome Mdina. Soprannominata “Città vecchia” o la “Città silenziosa“, tra i principali punti di interesse di Mdina, oltre alle antiche mura, ci sono la Domus Romana e la Cattedrale di San Paolo.
Ci sono altre quattro città che certo non possono mancare in un viaggio on the road a Malta se vuoi conoscere la vera essenza e l’atmosfera di questo splendido Paese. La prima è Rabat, dove trovi la grotta di San Paolo, tra i più importanti santuari dedicati al culto del santo, che qui avrebbe vissuto durante il suo soggiorno a Malta, prima di continuare il viaggio verso Roma. Si prosegue con la città di Vittoriosa, che sorge sulla sponda meridionale del Porto Grande, con il suo Forte Sant’Angelo e il famoso Palazzo dell’Inquisitore, e la piccola città fortificata di Senglea, posta sulla penisola parallela a Vittoriosa, che ospita la Basilica della Natività di Maria, costruita nel XVI secolo per celebrare la vittoria contro l’assedio ottomano di Malta, con splendidi interni e preziose opere d’arte.
Impossibile non menzionare anche Cospicua, la più grande delle tre città conosciute come le Tre Città (le altre due sono Vittoriosa e Senglea), il cui nome deriva da Bir-Mula, che significa “il pozzo del Signore“. Uno dei luoghi più importanti di Cospicua è la Chiesa dell’Immacolata Concezione, che è sopravvissuta alla Seconda Guerra Mondiale nonostante gran parte della città sia stata distrutta dai bombardamenti. Oggi è ricca di opere d’arte di pregio che includono uno splendido dipinto della Madonna con Bambino del pittore italiano Polidoro Veneziano, posto sopra l’altare maggiore.

Isole Lofoten, i paesaggi più belli del mondo

Isole Lofoten, i paesaggi più belli del mondo

Le isole Lofoten sono un arcipelago della Norvegia che si estende tra le contee di Nordland e Troms. Non c’è da stupirsi se questi luoghi vengono descritti come uno dei paesaggi più belli del mondo e se ami la natura di sicuro ne rimarrai incantato. Le maestose montagne che si riflettono nelle acque cristalline dei fiordi, le favolose spiagge bianche e sabbiose che si alternano a scogliere ripide e alla vegetazione lussureggiante, e la costa punteggiata dalle pittoresche case rosse dei pescatori, fanno di questo angolo di paradiso un luogo ideale per chi ama viaggiare in cerca di avventura e paesaggi mozzafiato.
A rendere ancora più suggestiva questa destinazione, sono anche le magnifiche aurore boreali, vale a dire gli straordinari fenomeni naturali che trasformano il cielo in un caleidoscopio di colori durante le notti invernali. Ma le Lofoten hanno molto da offrire anche da un punto di vista culturale: qui, infatti, trovi musei davvero interessanti, come il Lofotr Viking Museum, e negozi d’artigianato tipico dove puoi acquistare souvenir unici che raccontano la storia e le tradizioni di queste isole.
La città principale delle Lofoten è Svolvaer, circondata da un bellissimo paesaggio, incastonata tra le alte montagne, il fiordo e il mare, da cui partono le crociere verso Trollfjord – una gita spettacolare che ti consigliamo vivamente di fare –, e dove puoi trovare alcuni dei migliori ristoranti delle isole, il che la rende la destinazione ideale per provare alcune delle specialità locali, come lo stoccafisso alla griglia.
A soli 10 minuti di auto da Svolvaer, si trova inoltre il piccolo e accogliente villaggio di Kabelvåg, la più antica città della Norvegia settentrionale, risalente all’epoca vichinga, che ospita alcune delle attrazioni più popolari delle Lofoten: il Museo delle Lofoten, l’Acquario delle Lofoten, la Cattedrale e la Galleria d’Arte Espolin.
Merita una visita anche Henningsvær, considerato il villaggio più hipster delle Lofoten, con i suoi caffè, ristoranti, bar, boutique e gallerie d’arte, e Gimsøy, una piccola isola collegata a Austvågøy dallo scenografico ponte Gimsøystraumen, dove sono stati rinvenuti reperti archeologici di grande importanza storica.
Proprio al centro delle Loftensi si trova invece Ballstad, a più o meno dieci minuti dalla città di Leknes, comodo punto di partenza per gite giornaliere nel resto delle isole, mentre a Nusfjord (nella foto) si trova uno dei villaggi di pescatori più antichi e meglio conservati della Norvegia, Patrimonio Unesco dal 1975. Qui, inoltre, puoi acquistare opere d’arte in vetro soffiato ispirate alla natura delle Lofoten e ai suoi colori.

Viaggi on the road in Italia: dove andare in inverno?

Viaggi on the road in Italia: dove andare in inverno?

L’Italia è uno dei Paesi più belli del mondo e un viaggio on the road è sicuramente una delle migliori esperienze per scoprire le sue meraviglie, anche in inverno quando i paesaggi si vestono di bianco e regalano scenari incantevoli che sembrano usciti da una cartolina.
Da nord a sud, l’Italia offre una miriade di destinazioni incantevoli a partire dagli innumerevoli borghi che sono sparsi in ogni regione e conservano intatte le loro tradizioni e la loro bellezza, continuando con la Strada delle Dolomiti (nella foto) e gli incredibili panorami dell’arco montano più belli d’Italia, Patrimonio Unesco dal 2009, continuando con la SS 163 che percorre tutta la Costiera Amalfitana, da Positano a Vietri sul Mare, ed è considerata una delle strade panoramiche più belle del nostro Paese.
E che dire, poi, delle meravigliose Langhe, con le sue colline punteggiate da vigneti e noccioleti, le imponenti fortezze, testimoni della storia e delle battaglie di un tempo, e le tante cittadine medievali che conservano intatta la loro atmosfera d’antan? Paradiso dei buongustai, le Langhe sono una delle migliori destinazioni per un viaggio invernale all’insegna della gastronomia e del buon vino, dove tra le tipicità locali spiccano il tartufo bianco di Alba e i deliziosi dolci alle nocciole.
Non si può certo non citare la Val d’Orcia, in Toscana, un altro incantevole angolo d’Italia, Patrimonio mondiale dell’Umanità Unesco dal 2004, che offre una grande varietà di paesaggi, da colline a vallate, attraversata dalla Strada del Vino e conosciuta per i suoi tanti centri di origine medievale, tra cui spiccano Pienza, patria del pecorino, e Montalcino, dove si produce uno dei vini italiani più noti, ovvero il Brunello di Montalcino, vino rosso DOCG.
Ti consigliamo di prendere in considerazione anche un viaggio coast to coast in Basilicata, oppure un tour nella Valle d’Itria, in Puglia, famosa per i suoi trulli e le sue masserie, o ancora un giro della costa Sud della Sardegna con le sue spiagge paradisiache che anche in inverno regalano paesaggi mozzafiato, o un itinerario che da Catania si spinge fino alla Val di Noto, sulle tracce del Barocco siciliano.
Insomma, in Italia non c’è che l’imbarazzo della scelta quando si parla di viaggi e i nostri esempi non hanno certo la pretesa di essere esaustivi, ma vogliono solo darti qualche spunto per organizzare la tua prossima avventura.
In fin dei conti ciò che davvero conta, come scrive Jack Kerouac nel suo celebre romanzo Sulla strada, è seguire la strada e prima o poi si fa il giro del mondo.