Roma estende dal 1° aprile al 31 ottobre 2024 i provvedimenti già presi per i veicoli che non possono circolare nella Fascia Verde, la ztl della Capitale: tutte le informazioni al riguardo e la mappa delle limitazioni.

La notizia non è inaspettata: l’ordinanza che limita l’ingresso in Fascia Verde ai veicoli più inquinanti è stata prorogata dal Sindaco Gualtieri fino alla fine di ottobre.
In attesa dell’entrata in vigore della cosiddetta “Congestion Charge”, prevista per il 2026, vediamo quali sono i divieti e le limitazioni per accedere al centro di Roma con l’auto.

Fascia Verde, la ztl di Roma: la mappa

Entrata in vigore nel novembre 2023, la ztl romana è valida dal lunedì al sabato (H24), tranne durante i giorni festivi infrasettimanali. La limitazione si estende anche durante le “EcoDomeniche”, le domeniche ecologiche in cui la circolazione dei veicoli privati è vietata dalle 7.30 fino alle 12.30 e dalle 16.30 alle 20.30.

Sul sito ufficiale RomaMobilità puoi consultare una mappa interattiva, inserendo il nome della via di interesse nell’apposita barra di ricerca per sapere se fa parte dell’area a traffico limitato e non incorrere in sanzioni.

mappa fascia verde roma
La mappa della ztl Fascia Verde di Roma (Foto: poliziaromacapitale.it)

I veicoli che non possono accedere alla ztl o Fascia Verde di Roma

Come accennato, il divieto di accesso alla fascia verde della Capitale è un’estensione di quello già in vigore.

Dal 1° aprile al 31 ottobre 2024, dal lunedì al sabato, i veicoli, inclusi quelli dei residenti, che non hanno accesso alla zona a traffico limitato sono:

  • Autoveicoli alimentati a benzina o diesel Euro 2 e precedenti;
  • Autoveicoli diesel Euro 3;
  • Ciclomotori e motoveicoli benzina e diesel Euro 1 e precedenti.

Si tratta in questo caso di divieti permanenti.

In caso di superamento del valore limite degli inquinanti atmosferici da polveri sottili, la limitazione della circolazione in Fascia Verde si estende temporaneamente a:

  • Livello arancio – attivato dopo 4 giorni consecutivi di superamento dei valori della stazione di riferimento:
    • Autoveicoli alimentati a benzina Euro 3;
    • Autovetture alimentate a diesel Euro 4;
    • Ciclomotori e motoveicoli (3 e 4 ruote) alimentati a diesel Euro 2;
    • Autoveicoli alimentati a diesel Euro 4 adibiti al trasporto merci (categorie N1, N2 e N3);
  • Livello rosso – attivato dopo 10 giorni consecutivi di superamento dei valori della stazione di riferimento:
    • Tutti i veicoli precedenti;
    • Autovetture alimentate a diesel Euro 5 ed Euro 6;
    • Autoveicoli alimentati a diesel Euro 5 ed Euro 6 adibiti al trasporto merci (categorie N1, N2 e N3).

Le ragioni dietro alla delibera comunale

Nel documento relativo al provvedimento dell’amministrazione capitolina, è chiaro che gli interventi mirati alla riduzione dell’inquinamento acustico e di quello dell’aria determinano un beneficio tangibile per l’ambiente e possono contribuire a ridurre il rischio di danni alla salute.

Il divieto inoltre vuole spronare i cittadini a evitare l’uso dell’auto, quando possibile, per incentivare l’uso dei mezzi pubblici e della mobilità condivisa.

Fascia Verde a Roma: le deroghe per entrare nella ztl

Ci sono diverse categorie di veicoli che hanno diritto a una deroga per entrare nella fascia verde:

  • Veicoli muniti del contrassegno per persone con disabilità;
  • Veicoli adibiti a servizio di polizia e sicurezza, emergenza anche sociale, compreso il soccorso stradale;
  • Veicoli adibiti al trasporto pubblico di linea;
  • Veicoli adibiti alla gestione dei rifiuti urbani, alla tutela igienico ambientale, alla gestione emergenziale del verde, alla Protezione civile e agli interventi di urgente ripristino del decoro urbano nonché al pronto intervento manutentivo;
  • Veicoli con targa C.D., S.C.V. e C.V.;
  • Autoveicoli e motoveicoli d’epoca di cui all’art. 60 del Dlgs n. 285/1992 e ss.mm.ii. e ciclomotori ultratrentennali (con certificato di rilevanza storica): in questo caso la deroga è valida solo dalle ore 20 del venerdì alle 24 del sabato e solo per i veicoli già iscritti ai registri alla data del 1° novembre 2023;
  • Autoveicoli con impianto BI-FUEL, dotati di un impianto benzina/GPL e/o benzina/metano, che circolano utilizzando esclusivamente il GPL e/o metano.