La città più smart del mondo è tutta europea e si trova in Svizzera: secondo lo Smart City Index 2023, Zurigo non è solo una delle città più sostenibili al mondo, ma anche quella più intelligente. Ma che cosa ha in più rispetto alle altre smart city? In questa guida esploriamo tutte le motivazioni che le hanno valso il primato, partendo dalle azioni concrete messe in atto dalle amministrazioni locali e terminando con il grado di soddisfazione dei cittadini.

Zurigo: la più smart delle smart city

I motivi per i quali Zurigo si distingue come avanguardia globale nella sostenibilità sono diversi: il primo fra tutti è che la città incarna l’ideale di una convivenza armoniosa tra progresso e responsabilità ambientale. Questa vivace città svizzera ha, infatti, abbracciato il modello della “Società a 2000 Watt”, un concetto pionieristico proposto dai ricercatori del Politecnico Federale di Zurigo negli anni ’90, che suggerisce come ciascun cittadino possa vivere in modo sostenibile limitando il proprio consumo energetico a 2000 Watt, pari a 17.520 kWh annuali. Questa visione ha preso forma gradualmente, attraverso politiche mirate e l’adozione di tecnologie avanzate, puntando a una realizzazione pratica entro il 2050, come ratificato da un referendum cittadino nel 2008.

Tornando però ai giorni nostri, Zurigo nel 2023 ha conquistato il podio come città più smart del mondo. Come ci è riuscita? Secondo l’analisi dell’Osservatorio Smart City, che ogni anno valuta la sostenibilità sociale, economica e ambientale delle smart city mondiali, Zurigo è sempre stata determinata nel perseguire la sostenibilità. Questa sua volontà si riflette (oggi più che mai) nell’eccellenza della qualità della vita, nella solidità economica e soprattutto nelle sue politiche ambientali, risultando prima in classifica sia per gli aspetti ambientali, sia nel ranking generale.

Come si valuta una smart city?

Il criterio adottato dallo Smart City Index per la valutazione dell’intelligenza di una città è quello del valore HDI (Human Development Index), cioè l’“indice dello sviluppo umano”, che è basato sulla combinazione di informazioni relative all’aspettativa di vita, alla scolarizzazione, all’educazione e al reddito pro capite, oltre a una serie di indici che riguardano l’ambiente e la situazione economica. A livello di Paesi, l’HDI della Svizzera è il più alto in assoluto, seguito dalla Norvegia e dall’Australia.

Perché Zurigo è la città più smart del mondo?

Dallo Smart City Index sono emersi vari fattori che hanno concorso al raggiungimento del traguardo per Zurigo: come dicevamo, sono stati valutati anche gli aspetti sociali, economici e ambientali della città. Ecco nel dettaglio perché Zurigo è considerata la città più smart del mondo in base ai risultati ottenuti da questi indici:

Alta efficienza energetica

La città promuove attivamente la riduzione del consumo energetico mediante la consulenza gratuita sulle costruzioni sostenibili, l’investimento in energie rinnovabili come l’eolico e il geotermico, e gli incentivi per l’installazione di pannelli solari e apparecchiature smart. Gli edifici, compresi scuole e ospedali, rispettano lo standard svizzero Minergie per massimizzare l’efficienza energetica.

Mobilità accessibile e intelligente

Zurigo privilegia il trasporto pubblico, che viene alimentato progressivamente con energie rinnovabili ed è ottimizzato da un sistema di controllo del traffico che, a sua volta, minimizza il consumo energetico. La grande rete dei mezzi di trasporto pubblico permette a quasi due milioni di cittadini di spostarsi ogni giorno per decine e decine di chilometri, rinunciando per quanto possibile all’uso delle auto. Tra autobus, tram, traghetti e funicolari a Zurigo turisti e cittadini arrivano ovunque, senza farsi mancare il comfort.

Eventi di promozione e sensibilizzazione ambientale

La città organizza periodicamente eventi per educare i cittadini sul proprio impatto energetico e per promuovere un consumo consapevole, sottolineando l’importanza delle energie rinnovabili. Durante questi momenti, i cittadini sono in grado di calcolare quanta energia consumano tramite calcolatori sparsi per la città o giochi interattivi: in questo modo ciascuno è consapevole di quanto sta consumando, quanto il suo fabbisogno sia soddisfatto da fonti fossili o rinnovabili e quanto potrebbe risparmiare.

Strutture efficienti e sostenibili

Zurigo ottiene i punteggi migliori in termini di strutture nelle aree tematiche di salute e sicurezza, attività, lavoro, scuola e governance. È una città-giardino, come poche in Europa, che negli anni ha saputo progettare e in parte realizzare un equilibrio dinamico tra infrastrutture strategiche, indispensabili per connettersi al mondo, ed esigenze dei cittadini. Un esempio di riqualificazione urbana nel centro cittadino è dato, ad esempio, dalla nuova area di Langstrasse, interamente connessa all’Hauptbahnhof (stazione centrale): solo pochi anni fa era un quartiere in degrado, oggi mette a disposizione aree comuni, strutture ristorative ed eleganti abitazioni dalle alte prestazioni energetiche.

Impatto ambientale ridotto

Nel settore turistico si registrano notevoli sforzi per minimizzare l’impatto ambientale, con hotel che vantano certificazioni di sostenibilità e pratiche per la riduzione dello spreco alimentare, come la catena Sorell Hotel o l’Hotel Mövenpick Zürich-Regensdorf che utilizzano lampade a risparmio energetico, riducono l’utilizzo delle risorse idriche, differenziano rifiuti e prodotti chimici e incoraggiano i dipendenti ad attuare uno stile di vita sostenibile anche nel privato. Anche il settore della moda e del design partecipa con iniziative di riutilizzo e riciclo, dimostrando un impegno diffuso verso un futuro più verde.

Lotta allo spreco alimentare

Molti alberghi zurighesi hanno misurato la propria produzione di rifiuti, intervenendo sulla produzione di immondizia fino ad arrivare a una riduzione del 42%, riuscendo, di conseguenza, a tagliare anche i costi. Sempre nell’ambito della lotta allo spreco alimentare, è interessante citare l’iniziativa dell’associazione Äss-Bar, che collabora con i panifici e si occupa di rivendere, a prezzo più basso, i prodotti non venduti durante la giornata.

Zurigo smart: la parola ai cittadini

E per i cittadini di Zurigo quali sono le priorità della propria smart city e qual è il grado di soddisfazione dei risultati raggiunti? Tramite un questionario, la popolazione della zona metropolitana (circa 1,3 milioni di persone) ha evidenziato come priorità l’accesso ad alloggi economicamente accessibili (69%), la riduzione del traffico intenso (62%) e la presenza di aree verdi (38%). Il 66% dei residenti è favorevole alla condivisione di dati personali per alleggerire la congestione stradale, il 65% accetta l’uso della tecnologia di riconoscimento facciale per garantire la sicurezza pubblica, mentre il 64% apprezza l’efficacia della digitalizzazione di documenti e informazioni nell’aumentare la fiducia verso le istituzioni e ridurre i tempi di istruttoria.

Tutti questi dati, messi insieme, dipingono un quadro affascinante di Zurigo: una città che si evolve sempre più abbracciando sia la tradizione sia l’innovazione, mostrandosi aperta alle novità e dimostrando capacità che la collocano al primo posto tra le città più vivaci e intelligenti del mondo.