Per sette giorni chiude la linea M4 della metro di Milano. Ecco tutti i dettagli della chiusura e orari dei bus sostitutivi.

La linea metropolitana M4 di Milano rimarrà chiusa per sette giorni, precisamente da oggi al 9 aprile, per consentire l’esecuzione di test fondamentali sull’intera infrastruttura in preparazione alla sua inaugurazione completa. Dunque, dopo lo stop di marzo, il servizio verrà nuovamente interrotto, stavolta per più giornate.

Vediamo nel dettaglio i motivi di questa decisione e le alternative per spostarsi nella città meneghina.

Linea metro M4 di Milano chiude: quali test verranno eseguiti

Da oggi e fino al 9 aprile le fermate della metropolitana M4 saranno inaccessibili, le scale mobili non saranno operative, ma i treni continueranno a percorrere la linea senza passeggeri. Al posto del servizio metropolitano, sarà attivato un servizio sostitutivo di autobus.

Questo intervallo di chiusura consente ai tecnici di effettuare le verifiche finali e le prove di funzionamento indispensabili richieste dal Ministero dei Trasporti, passando dall’attuale configurazione di 8 stazioni e 13 treni a una rete più ampia che comprenderà 21 fermate e 47 treni. Queste operazioni sono cruciali per garantire la sicurezza e l’efficienza della linea prima dell’apertura totale, prevista per l’autunno 2024, sebbene la data esatta non sia ancora stata annunciata.

L’ATM, l’azienda di trasporto milanese, ha sottolineato l’importanza di questi test, che devono essere condotti senza passeggeri per assicurare la massima accuratezza e sicurezza. In seguito a questa fase si procederà con 60 giorni di pre-esercizio su tutta la linea, che tuttavia non richiederà ulteriori interruzioni del servizio metropolitano.

Attualmente sono operative otto stazioni: San Babila, Tricolore, Dateo, Susa, Argonne, Forlanini, Repetti e Linate. L’espansione prevede l’apertura di altre 13 stazioni- tra cui Sforza Policlinico- con interscambio con la M3, e diverse altre linee che copriranno aree strategiche della città, migliorando così significativamente la rete di trasporto pubblico milanese.

Orari e frequenze dei bus sostitutivi BM4

Ecco gli orari e le frequenze nei giorni feriali e festivi dei bus che sostituiranno temporaneamente i treni della metro M4.

  • Frequenze da lunedì a venerdì: tra le 7:00 e le 9:30 circa ogni 3/4 minuti, tra le 6:00 e le 7:00 e tra le 9:30 e le 19:30 circa ogni 6/7 minuti, dopo le 19:30 ogni 15 minuti;
  • Frequenze il sabato e festivi: tra le 6:00 e le 19:30 circa ogni 7 minuti e dopo le 19:30 ogni 15 minuti;
  • Orari da Linate per Duomo: prima partenza alle ore 6:00 e ultima partenza alle ore 00:30;
  • Orari da Duomo per Linate: prima partenza alle ore 6:00, ultima partenza alle ore 00:45.

Per maggiori informazioni il consiglio è quello di visitare il sito ufficiale di ATM.

Alternative per spostarsi a Milano senza i mezzi pubblici

Tutti gli utenti e i pendolari possono spostarsi utilizzando valide alternative ai bus sostitutivi. Una pratica più sostenibile per chi preferisce non rinunciare all’uso dell’auto per muoversi in città è quella di condividere il veicolo con altre persone che percorrono lo stesso tragitto, tenendo però conto delle normative locali su zone a traffico limitato e restrizioni varie (soprattutto ZTL e limitazioni in Area C e B).

Il Comune di Milano promuove soluzioni di car sharing e car pooling, allineandosi alla visione di una città più verde e attenta alla sharing mobility. Questo approccio è evidenziato dall’obiettivo di diventare una Città 30 entro il 2024. Un fine che è possibile raggiungere portando i propri cittadini a ridurre progressivamente l’uso dell’auto privata.

Tra le alternative per spostarsi più agilmente nel centro città spicca il bike sharing, con opzioni di noleggio sia fisse che a flusso libero, e una flotta che include sia biciclette tradizionali che elettriche, queste ultime anche attrezzate con seggiolini per bambini.

Per chi cerca opzioni ancora più pratiche sono disponibili scooter e monopattini elettrici, liberi da restrizioni in alcune zone della città e paragonabili alle e-bike per quanto riguarda le regole d’uso.