Quali sono le città italiane che offrono una migliore qualità della vita nel 2024? Secondo la classifica de Il Sole 24 Ore i bambini vivono meglio a Sondrio, i giovani a Gorizia e gli anziani a Trento. Mentre le grandi città come Roma e Milano sono penalizzate dall’alto costo degli affitti.

Il Sole 24 Ore ha stilato delle classifiche- divise per fasce d’età– che mostrano quali sono le città dove si vive meglio in Italia. I risultati delle rilevazioni sulla qualità della vita di bambini, giovani e anziani sono state presentate al Festival dell’Economia di Trento. Hanno dimostrato come i territori rispondono alle esigenze di questi gruppi generazionali esaminando servizi, condizioni di vita e salute.

I risultati rivelano che Sondrio– in Lombardia– è la città dove i bambini vivono meglio, mentre i giovani trovano una migliore qualità della vita a Gorizia e gli anziani a Trento. Penalizzate invece le grandi aree metropolitane e il Sud Italia.

Qualità della vita 2024: la classifica delle migliori città italiane

Sondrio si conferma la provincia con la migliore qualità di vita per i bambini, seguita da Ravenna, Trieste e Gorizia. A completare la top 10 ci sono Lecco, Aosta, Padova, Siena e Trento. Al Sud, la prima provincia a posizionarsi è quella di Campobasso, collocata al 21esimo posto.

Per i giovani Gorizia è al primo posto, seguita da Ravenna e ForlìCesena. Mentre Ferrara, Cremona, Bolzano, Piacenza, Vercelli, Verbano-Cusio-Ossola e Belluno sono tutte nelle prime dieci posizioni. Vibo Valentia si classifica al 26esimo posto ed è la prima provincia del Sud Italia in questa classifica.

Trento è infine la provincia migliore per gli anziani, seguita da Como e Cremona. Bolzano, Treviso, Vicenza, Parma, Padova, Lodi e Verona chiudono la top 10. Foggia è la prima al Sud, al 14esimo posto.

Penalizzati il Sud e le grandi città

L’indagine sulla qualità della vita per fasce di età rivela che le grandi metropoli si collocano in gran parte nella parte inferiore della classifica, specialmente per quanto riguarda il benessere dei giovani. Solo Bologna (14esimo posto) e Firenze (33esima) fanno eccezione, mentre Milano è solo al 45esimo posto. Tra le province con i risultati peggiori troviamo anche Bari, Catania, Napoli, Palermo e Roma.

A penalizzare grandi città come Roma e Milano sono soprattutto gli alti costi degli affitti. Che pesano specialmente sui giovani e sulle famiglie, abbassando notevolmente l’indicatore relativo alla qualità di vita.