L’Italia custodisce un patrimonio artistico e architettonico senza pari, con centinaia di antichi palazzi nobiliari e regge in grado di lasciare senza parole turisti e visitatori. Scopriamo quali sono quelli assolutamente da non perdere.

Il nostro Paese è costellato di un’infinità di magnifici edifici storici– in passato dimore di illustri famiglie nobiliari- disseminati in ogni angolo dello Stivale. Non è un caso se l’Italia è tra gli itinerari europei più apprezzati dagli appassionati di turismo culturale.

Visitare queste maestose residenze può essere anche l’occasione per avvicinarsi alle proprie radici e alla ricchissima storia della nostra penisola, magari approfittando della primavera per organizzare una piccola vacanza o una gita fuori porta da soli, in compagnia di amici o in viaggio con i bambini.

Le regge e i palazzi nobiliari da non perdere in Italia

Con Pasqua e Pasquetta ormai alle porte non c’è momento migliore per visitare alcune delle più belle regge e palazzi nobiliari d’Italia. La primavera, con i suoi colori e i suoi profumi, permette di godere appieno dei bellissimi parchi e giardini che circondano queste residenze. Basta scegliere la meta, prenotare il volo e partire!

La Reggia di Caserta, in Campania

La Reggia di Caserta, in Campania, è tra le più famose e imponenti residenze reali al mondo. Progettata nella seconda metà del XVIII secolo da Luigi Vanvitelli per volere del re Carlo di Borbone, questa reggia rappresenta l’apice del Barocco italiano. Ogni anno attira quasi un milione di persone. A stupire sono le sue dimensioni- il complesso occupa infatti una superficie di 47.000 metri quadrati- l’eleganza dei suoi interni e le collezioni che ospita. Il sito include anche un vasto parco di circa 120 ettari arricchito da ampi viali, fontane spettacolari e giardini.

La Reggia è facilmente raggiungibile dal centro di Napoli in una quarantina di minuti circa. Basta prendere un treno dalla stazione Napoli Centrale fino a quella di Caserta. In alternativa, si può viaggiare in auto percorrendo l’autostrada A1 o l’A30- a seconda della provenienza- proseguendo poi in direzione della Reggia di Caserta. Una volta giunti a destinazione, si può lasciare il proprio veicolo nei parcheggi a raso adiacenti alla Reggia, dotati di strisce blu. Per coloro che invece vogliono ammirarla in biciletta, ricordiamo che l’ingresso obbligatorio è quello di Corso Pietro Giannone.

Villa D’Este a Tivoli

Villa d’Este si trova sulle colline di Tivoli, non lontano da Roma, ed è perfetta per una gita vicino alla Capitale. Eretta nel XVI secolo per volontà del cardinale Ippolito II d’Este, questa villa è senza ombra di dubbio uno dei palazzi nobiliari più belli d’Italia. I suoi giardini sono una vera oasi di pace e incanto con statue, fontane e cascate in ogni angolo.

Dichiarata Patrimonio dell’Umanità Unesco a partire dal 2001, ospita una serie di mostre culturali di pregio, alcune visitabili anche in questo periodo. Ne citiamo alcune:

  • D’Après Nature: Giorgio Morandi/Cy Twombly, dedicata a una riflessione sul paesaggio nella contemporaneità. È visitabile fino al 5 maggio prossimo;
  • Io sono una forza del passato: Adriano, i ritratti: a cura di Andrea Bruciati, si tratta di un’esposizione inedita che riunisce tutti i ritratti dell’imperatore Adriano. Anche questa mostra è visitabile fino al 5 maggio prossimo.

Partendo da Roma, è possibile raggiungere Villa d’Este utilizzando la Metro B fino a Ponte Mammolo. Da qui è possibile prendere un bus Co.Tra.L fino a Tivoli. Se si sceglie di viaggiare in treno– partendo indifferentemente dalla Stazione Tiburtina o dalla Stazione Termini– la fermata è FS Tivoli. Infine, per chi si sposta in auto- seguendo l’A24 in direzione Tivoli- ricordiamo che è possibile parcheggiare il proprio veicolo nelle strisce blu.

Reggia di Venaria Reale, in Piemonte

In Piemonte, a pochi chilometri da Torino si può ammirare la splendida Reggia di Venaria Reale. Nata tra il 1658 e il 1679 come residenza di caccia dei Savoia, oggi è un importante polo museale che attira turisti e visitatori da tutto il mondo. Oltre agli interni, con la scenografica Galleria Grande, le scuderie e la Chiesa di Sant’Umberto – tutte progettate da Filippo Juvarra – a colpire sono anche gli incantevoli giardini della reggia.

Proprio dai giardini si gode di una vista incredibile sul Parco della Mandria, area naturale protetta ad appena mezz’ora di distanza. Per arrivarci, si può percorrere la Ciclovia Corona delle Delizie. Oppure, se si viaggia in auto lungo la tangenziale Torino Nord, è possibile usufruire dei parcheggi a pagamento dislocati nei dintorni della Reggia. La linea ferroviaria Torino-Ceres giunge fino a Venaria, mentre chi preferisce il bus può utilizzare la linea dedicata Venaria Express.

Palazzo dei Normanni, in Sicilia

Forse non tutti sanno che a Palermo, in Sicilia, si trova la più antica residenza reale d’Europa. Costruito intorno al X secolo, il Palazzo dei Normanni si distingue per la sua bellezza e per la varietà d’influenze- da quelle arabe a quella normanne– che ne hanno modellato gli esterni e gli interni.

Tra le sue mura trovano spazio ambienti e opere incredibili, come la Sala d’Ercole– risalente al 1560- che conserva i dipinti di Giuseppe Velasquez. Ci sono anche i mosaici della Sala di Re Ruggero e la meravigliosa Cappella Palatina.

Il palazzo è sede dell’Assemblea della Regione siciliana dal 1946, facendo del Parlamento Siciliano- istituito nel 1140- il più antico d’Europa. Per raggiungerlo in aereo, sarà necessario utilizzare lo scalo aeroportuale “Falcone e Borsellino” di Palermo. Da qui, l’opzione più semplice è quella di imboccare l’autostrada E50 in direzione centro e raggiungere il Palazzo con un’auto a noleggio, parcheggiando nelle aree di sosta adiacenti al sito. In alternativa, i bus 109, 234 e 318 giungono fino al Palazzo dei Normanni.

Palazzo dei Diamanti a Ferrara

Il Palazzo dei Diamanti è uno dei simboli della città di Ferrara- nel cuore dell’Emilia Romagna– ed è uno splendido esempio di architettura rinascimentale. La facciata è adornata da circa 8.500 blocchi di marmo bianco con venature rosa, lavorati in modo da somigliare a tante punte di diamante. Aperto tutti i giorni, il Palazzo è sede di frequenti mostre d’arte ed eventi culturali. Ecco alcune mostre, visitabili anche il giorno di Pasqua fino alle ore 23.00:

  • Escher: le opere del maestro olandese che ha incantato milioni di matematici in tutto il mondo saranno esposte fino al 21 luglio prossimo;
  • Mirabilia estensi: una mostra di cofanetti e oggetti intarsiati risalenti al Trecento. Anche in questo caso, le opere resteranno in esposizione fino al 21 luglio 2024.

Per raggiungere il Palazzo dei Diamanti in treno si possono utilizzare le linee dirette Venezia-Firenze-Roma, Milano-Bologna/Bologna-Ferrara. In bus, è possibile sfruttare la Linea 3- dalla stazione FS di Ferrara-  che conduce fino a destinazione.  In auto, percorrendo l’A13 le uscite utili sono Ferrara Nord o Ferrara Sud. È possibile utilizzare il parcheggio a pagamento “Diamanti” ubicato accanto all’omonimo Palazzo.